-1 al derby Fano-Vis, numero 98 della storia

0
I tifosi della Vis Pesaro nel vecchio settore ospiti del Mancini

Tredici chilometri, dieci punti. Queste le distanze tra Pesaro e Fano. La Vis guarda dall’alto con un quarto posto in classifica e 25 punti conquistati, 17 goal fatti e 11 subiti. Il Fano risale, dopo una crisi di 7 partite senza vittoria e un ultimo posto in graduatoria che hanno portato al lamento della piazza. Attualmente 15 punti, la sicurezza difensiva con soli 14 goal incassati ma un attacco che stenta viste le sole 10 reti siglate, nonostante una sorpresa di stagione, Alexis Ferrante. Classifiche attualmente contrarie ma obbiettivo d’inizio stagione comune, la salvezza. Due storie estive simili, la Vis Pesaro che sigla una partnership ufficiale con la Sampdoria, il Fano che dialoga e instaura un rapporto di collaborazione con il Pescara.

120 anni di storia, 1898

I granata di Massimo Epifani si presentano al derby numero 98, il 71^ di campionato, con due vittorie consecutive. Sabato scorso 3 punti corsari a Meda, la prima vittoria in trasferta del campionato, sul campo del Renate, grazie alla rete nei primi minuti di gioco dell’ormai solito Alexis Ferrante. Il numero 10 argentino ha siglato 5 goal stagionali, l’esatta metà di tutti quelli segnati dalla squadra fanese. Classe ’95, in prestito dal Pescara dopo essere cresciuto nelle giovanili della Roma, il giovane attaccante abbina classe e tecnica. Sarà una sfida tra argentini, Olcese-Ferrante, entrambi nativi di Buenos Aires, proprio a due giorni di distanza dalla finale Libertadores – o meglio Conquistadores visto che si è giocata al Bernabeu di Madrid – tra Boca Juniors e River Plate.

La Vis di Leonardo Colucci e Gianni Migliorini dovrà affrontare anche le assenze. Dubbi di formazione, ma certezze nel gruppo. Forza di volontà, personalità e coraggio. 37 vittorie fanesi, 37 pareggi e 23 successi biancorossi nella storia del derby delle alte Marche. Pesaro nel nuovo millennio non ha mai vinto un derby. Ultimo successo nel 1999. Il tabù da sconfiggere è alto. I pesaresi fremono. Onorare la maglia, lottare per i tifosi. Saranno 470 a riempire il nuovo settore ospiti.

Derby Fano-Vis, inizio ore 20.30

Il mister fanese Epifani è stato scelto in estate proprio dal Pescara. Crescita di giovani e salvezza gli obbiettivi prefissati. In porta Sarr o Voltolini. La difesa la comanda l’uruguaiano Sosa, oltre i compagni di reparto Magli, Celli e Konaté. Centrocampo con Lazzari come pedina centrale e fondamentale, a 34 anni l’ex Udinese è capitano e dà ordine e sicurezza a tutta la rosa. Sarà assente Acquadro, giovane di prospettiva della mediana granata.

Lo stadio Mancini come fortino per il Fano. 9 punti su 14 conquistati in casa, pareggiando con Imolese, Sambenedettese e Ravenna. Due vittorie casalinghe contro Giana Erminio e Rimini, entrambe per 1-0. Ma la Vis è la squadra che ottiene più punti in trasferta. Conservare questo primato, potenziandolo.

Probabili formazioni:

FANO: Voltolini, Sosa, Magli, Celli (Konaté), Vitturini, Selasi (Tascone), Lulli, Lazzari, Diallo (Cernaz), Filippini, Ferrante.

VIS: Tomei, Pastor (Gianola), Briganti, Gennari, Hadziosmanovic, Paoli, Botta, Marchi (Buonocunto), Petrucci (Rizzato), Diop, Olcese.

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome