4-3-Fantasia, cosa ha in mente Colucci per questa squadra?

0
Probabile cambio di modulo per mister Colucci

Il rinvio a oltranza di riunioni in lega e conseguente spostamento della prima di campionato a metà settembre, ha per forza di cose, costretto la Vis a testare lo stato di forma dei ragazzi con varie amichevoli.  Ultima quella di ieri, vinta per 4-1 a Fossombrone, in casa della Fossenpronese(Eccellenza marchigiana). Un test discreto che ha permesso ancora una volta di capire, quali sono le reali intenzioni tattiche di mister Colucci. Difesa rigorosamente a 4, è stata provata anche a 3 in occasione del match di Coppa Italia contro il Fano, ma la soluzione con due centrali( Briganti e Gennari, i titolari) e due terzini( Hadziosmanovic e Rizzato) sembra quella preferita dal tecnico pugliese. La panchina offre buona copertura in termini fisici, Gianola sta crescendo, e tecnici, con Pastor che sta convincendo anche in chiave di regista arretrato, sulla prima impostazione di gioco. Occhio a Boccioletti che scalpita, l’esterno nostrano vuole convincere l’ambiente dopo una passata stagione ad alti livelli. Rossoni e Romei partono leggermente più indietro nelle gerarchie, con la possibilità di farsi notare durante un campionato lungo ed estenuante. Pacchetto arretrato completato da Matteo Tomei in porta, una sicurezza e garanzia per la categoria, portiere esperto e bravo con le mani e con le parole, un guardiano che guida la squadra come un secondo allenatore. A centrocampo invece, si gioca con un mediano(Paoli o Botta) e due mezzali. Tanti giocatori per due posti, ritenuti fondamentali nell’economia del gioco del tecnico di Cerignola. Tessiore e Buonocunto i protagonisti della pre-season in questo ruolo, ma occhio a Ivan( recupero previsto per il 30 settembre) e Carta, in goal anche ieri. Davanti ce n’è per tutti i gusti. 3 posti disponibili e un buon numero di soluzioni alternative. Una punta e due esterni, un trequartista e due punte, due trequartisti e una punta. Tanta fantasia e tanti nomi pronti a scaldare il cuore dei tifosi biancorossi. Olcese e Diop come punte centrali, con l’italo-argentino che è apparso più in forma del compagno senegalese. Petrucci che può agire sia da esterno che da trequartista, come Flavio Lazzari, pedina importante nello scacchiere di Colucci. Kirilov e Balde sugli esterni hanno fatto vedere tanta corsa e velocità, servirà ancora del tempo per oliare tutti i meccanismi ma qualcosa si vede già. Cuomo e Di Nardo dovranno sudare per guadagnarsi chance, e anche questo è un fattore che deve far riflettere. Una rosa ampia ti permette di cambiare e migliorare tutti gli elementi, costruendo giorno dopo giorno un gruppo capace di trovare la via del successo con la cultura del lavoro e del sacrificio. Come ha fatto il mister, per tutta la sua carriera da giocatore.

Riccardo Damiani

Per SoloVisPesaro

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome