Briganti: “Sono soddisfatto della crescita dei nostri giovani”. Il ds Crespini: “Lazzari e Ivan rientrano a fine mese”

0

Nel pomeriggio si è svolta la consueta conferenza stampa del martedì. Protagonisti il difensore Marco Briganti e il direttore sportivo Claudio Crespini. Ecco le loro dichiarazioni:

MARCO BRIGANTI

Sul primo scorcio di stagione: “Lo spirito è quello di sempre. Dobbiamo aver sempre equilibrio nel riconoscere le prestazioni. Oggi possiamo dire di aver affrontato la prima parte di campionato in maniera positiva. Abbiamo la ferma consapevolezza di disputare buone gare. Ovviamente ci sono dettagli che si possono e si devono migliorare. La volontà è quella di aggiungere qualcosa al nostro cammino di crescita e in questo il mister ci aiuta molto”.

Sulla squadra: “La nostra è una squadra costruita con un mix di giovani e meno giovani. Devo dire però che i ragazzi riescono a trasmettere durante la gara una certa dose di intraprendenza e incoscienza, che può portare benefici. Sono soddisfatto della crescita dei nostri giovani, peraltro molto attenti. Devono essere abili a sfruttare tutte le opportunità. Ogni giorno vedo in loro una crescita”.

Sulla realtà pesarese: “Qui ho trovato una società che agisce sempre coi piedi per terra. Programmazione, voglia di fare bene e mai fare il passo più lungo della gamba sono gli aspetti che la società persegue sempre. Questo dà ai noi calciatori sicurezza e serenità. In quanto giocatori biancorossi vogliamo uscire dal campo con la maglia sempre zuppa di sudore”.

 

CLAUDIO CRESPINI

Sul campionato della Vis Pesaro: “Confermo l’idea che non abbiamo mai sbagliato completamente una singola gara. E’ vero che non abbiamo giocato bene il secondo tempo di Trieste ma se vedete la formazione avevamo giocatori fuori. Domenica ho apprezzato il pareggio ma ho qualche rimpianto: se fossimo passati in vantaggio sono sicuro che avremmo vinto. La rosa è composta da buoni giocatori e possiamo far giocare chiunque ma Lazzari ha un tiro da fuori potente che con una squadra così schierata come il Monza avrebbe potuto fare molto male. Chi l’ha sostituito comunque ha giocato bene”.

Sul Sudtirol: “Il Sudtirol è un mistero, subisce e segna poco. E’ una squadra esperta, fisica e con ossatura definita. Aspettiamoci cross, mischie e tanto agonismo”.

Sugli equilibri del girone: “Non c’è una squadra materasso, tutte hanno un certo valore e per questo non dobbiamo dare nulla per scontato. In casa abbiamo giocato con avversari tosti ma non ci ha mai detto bene. Solo la Ternana è fuori dimensione, con le altre puoi perdere e vincere. Il calendario ci ha fatto brutti scherzi perché non ci ha mai dato pause ma andiamo a giocarcela con tutti”.

Sul capitolo infermeria: “Diop ha giocato un piede praticamente maciullato ma recupera per domenica. Lazzari e Ivan saranno disponibili a fine mese”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome