Campionato 2019-2020, Borozan torna a Pesaro nel weekend. Si inizierà a parlare di allenatore e squadra

0
Vis Pesaro (crediti foto Vis Pesaro 1898)

Vicenza, Triestina e Cesena. Ternana, Carpi e Padova. Se ci aggiungiamo anche Venezia e derby con Sambenedettese, Fermana e Rimini il piatto è servito. Sono queste alcune delle sfide che la Vis Pesaro è pronta ad affrontare per la stagione 2019-2020. La società biancorossa ha ufficializzato il proseguimento della partnership con la Sampdoria.

Se Penelope, moglie di Ulisse nell’Odissea, tesseva la tela ogni giorno per rinviare nuove nozze, il direttore generale Vlado Borozan ha fatto lo stesso giungendo però al risultato inverso, quello che tutti i tifosi speravano e aspettavano. La Vis Pesaro sarà ancora sposata con la squadra blucerchiata di Genova.

Ora avranno inizio le nuove nozze ma è ancora da capire come. L’accordo a Roma è stato firmato da Borozan e Massimo Ferrero. Il presidente della Sampdoria sembrava intenzionato a cedere la società blucerchiata ma nelle ultime ore è arrivato il dietrofront del possibile acquirente, CalcioInvest LLC di co-proprietà di Gianluca Vialli. Non hanno preso parte all’incontro Vis-Samp né l’avvocato Antonio Romei (lato Genova), né il direttore sportivo Claudio Crespini e il presidente Marco Ferri (lato Pesaro).

Sembra che quest’ultimo non sappia ancora i dettagli dell’accordo. Borozan rientrerà a Pesaro solo nel weekend (probabile venerdì) e, dopo aver parlato con i suoi colleghi biancorossi, farà una conferenza stampa dove presenterà al popolo pesarese tutti i dettagli. Per ora di sicuro nell’accordo firmato c’è il proseguo della partnership e la cessione a titolo definitivo del giovane Lorenzo Sabattini, classe 2001, ai blucerchiati, nel progetto Next Generation Sampdoria.

MERCATO:

Per la questione allenatore bisognerà quindi attendere il fine settimana, con mister Leonardo Colucci che ha ancora un anno di contratto in biancorosso. Anche il mercato deve ancora aspettare. Giocatori come capitan Lorenzo Paoli, il numero 1 Matteo Tomei, la classe di Flavio Lazzari e il muro Mattia GennariMarco Briganti, hanno dato già la disponibilità a continuare in biancorosso. Per Andrea Petrucci la situazione è più difficile visto che il suo cartellino appartiene al Carpi retrocesso dalla serie B. A proposito di retrocessioni: il presidente uscente del Fano, Claudio Gabellini, ha emesso un comunicato dove spiega che i granata, fino a questo momento, non sarebbero in grado né di fare domanda di ripescaggio in C, né di iscriversi alla serie D.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome