Christian Puggioni: “Ambizione di fare qualcosa che non ha fatto nessuno”

0
Christian Puggioni con la dirigenza della Vis Pesaro. Contratto fino al 2021. Avrà la maglia numero 31 (crediti ? Filippo Baioni)

Christian Puggioni è un nuovo giocatore della Vis Pesaro. E già si vede. Stadio Tonino Benelli colmo di tifosi per le prime parole del nuovo portiere dei biancorossi. Applausi e incoraggiamenti, ma anche rispetto e onore per uno di 38 anni che ha giocato con le maglie di Pisa, Reggina, Chievo, Piacenza, Perugia, Giulianova, Sampdoria e da ultima Benevento.

Una trattativa nata e sbocciata grazie al direttore sportivo della Vis Pesaro Claudio Crespini, poi portata a termine dal duo Vlado Borozan, direttore generale, e Mauro Bosco, presidente di una delle società più antiche d’Italia. “Il suo arrivo è una grande vittoria per la società e per il progetto biancorosso” spiega Borozan, seduto al fianco del nuovo numero 31 della Vis, Crespini e il co-presidente Marco Ferri.

Ecco, il progetto biancorosso. Questo ha convinto un portiere che è stato in prova nello Sporting Lisbona del primo Cristiano Ronaldo, che ha sporcato i guantoni sui tiri di Totti e che è anche cittadino onorario della città di Reggio Calabria dopo la storica salvezza (partiti con -11) nella stagione 2006-2007.

Sono qua a Pesaro per fare con la società qualcosa che ancora non ha fatto nessuno. Se posso essere d’aiuto sono il primo a essere felice e orgoglioso di fare questo passo” dice Puggioni. Questo lo ha colpito del club. Idee, valori, progetti e ambizioni. La Vis Pesaro 1898 e la dirigenza biancorossa così lo hanno convinto. Lui Pesaro città però l’aveva già sentita da un compagno di squadra, il pesarese doc Denis Tonucci, compagni nel Piacenza nella stagione 2009-2010.

Christian Puggioni saluta anche i giovani tifosi che lo hanno accolto (crediti ? Filippo Baioni)

IL MOTIVO DEL SUO ARRIVO A PESARO

Ho trovato grande gente e quando accade questo compensi e categoria sono meno importanti“. Chapeau. Ed ecco così il suo ritorno in serie C, categoria calcata l’ultima volta il 27 aprile del 2008 in maglia Perugia. La sua ultima partita giocata invece risale a poco più di un anno fa, il 3 novembre del 2018, contro una squadra marchigiana, l’Ascoli. Vestiva la maglia del Benevento in serie B. Ma dal quel giorno la società campana lo ha messo prima in panchina, poi fuori rosa. “Mi hanno fatto disinnamorare di questo lavoro, ma la serietà della Vis Pesaro per me è da serie A” spiega Puggioni.

SITUAZIONE FISICA

“Sono un perfezionista, a livello fisico voglio stare benissimo. Atleticamente voglio migliorare, senza forzare nulla per entrare. Ho rispetto per chi sta giocando ora e sta facendo bene, sono disposto anche ad allenarmi due volte al giorno” racconta il nuovo portiere, pronto alla concorrenza con Bianchini e Golubovic “che forse rinnova e va in prestito perché ci crediamo” spiega Borozan.

Puggioni è uno che cura la tecnica e i dettagli. Uno d’esperienza. Uno di quelli che arriva al campo un’ora prima. Uno da bastone e carota con i giovani. Alla Sampdoria ha conosciuto già Andrea Tessiore e altri under della Vis, ha giocato con Francesco Grandolfo al Chievo e quest’estate ha svolto il ritiro da svincolato con Stefano Botta. Con mister Simone Pavan ha già parlato e l’obiettivo è “fare qualcosa che rimanga anche per chi verrà dopo di noi” dice il nuovo portiere biancorosso.

CONTRATTO FINO AL 2021, POI?

“Quando Borozan mi ha chiamato mi ha chiesto se sarei riuscito a giocare un anno e mezzo. Io fisicamente posso giocarne due o tre” dice Puggioni che nella sua carriera non ha mai avuto grossi problemi fisici. Ha voglia di rivincite dopo Benevento e se ci sarà la parola fine alla carriera, sentenzia: “La metterò io”. La moglie in futuro lo vede come dirigente. In estate ha già fatto un corso. Ha una laurea in Giurisprudenza. “Ammetto, mi piacerebbe molto. Sto lavorando per avere le skills giuste”. Chissà che il suo futuro prossimo, anche con moglie e tre figli maschi, non sia a Pesaro. Da direttore. Per compiere quel salto che tutta la città aspetta da 121 anni. Intanto godiamocelo, facendo i complimenti alla società per l’acquisto di Christian Puggioni.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome