Pezzi in conferenza stampa: “Gioco dove dice il mister, ma nasco terzino”

0
Pezzi
La conferenza stampa di presentazione di Enrico Pezzi.

A una settimana di distanza dalla presentazione del duo Marchi-Gelonese, la Vis Pesaro torna a sedersi in sala stampa. Il clima è pressoché lo stesso: fa caldo al Benelli, e non è solo questione di afa. C’è voglia di calcio e di Vis, soprattutto, lo dimostrano i tifosi giunti al Benelli in un orario non congeniale per dare il benvenuto a Enrico Pezzi. Il terzo acquisto del calciomercato biancorosso, uno scippo non da poco al Carpi di cui era capitano. Settanta presenze in Serie B tra i già citati emiliani, Benevento e Cittadella. Altre 174 in Lega Pro. Che a 30 anni (31 il prossimo 24 settembre) stanno a significare esperienza e maturità, con l’anagrafe ancora dalla propria parte.

La conferenza (da rivivere in video anche sulla pagina Facebook di SoloVisPesaro) inizia come di consueto con le parole del dg della Vis, Vlado Borozan: “Siamo contentissimi di avere Enrico con noi – ha esordito il direttore generale -. La cosa che mi è piaciuta di più è stata la convinzione da entrambe le parti di chiudere non appena abbiamo capito che fosse possibile, questa è la prerogativa di tutte le trattative che stiamo facendo. Vogliamo che i ragazzi siano straconvinti della Vis Pesaro. Pezzi è stata la nostra prima scelta, gli ho detto che finché vorrà giocare a calcio avrà un posto nella Vis”

LE PRIME PAROLE DI ENRICO PEZZI ALLA VIS PESARO

Dopo un’altra breve introduzione del ds Crespini (“Raramente sono stato così contento del mercato come quest’anno”, ha detto), la parola è passata al neo vissino. Perché Pesaro? Pezzi risponde così: “Cercavo una società che volesse fare qualcosa di importante, della Vis mi hanno convinto il progetto e la voglia di fare il meglio possibile. Vogliamo stare nella parte sinistra della classifica, poi a fine stagione vedremo se saremo in grado di fare qualcosa di meglio. Sono anche vicino a casa che non guasta mai (sorride, ndr).

Pezzi, nato a Rimini e cresciuto a pane e calcio, nella sua carriera ha dimostrato di essere un calciatore polivalente. Centrale di difesa a 3, terzino, mediano. È tempo di sciogliere le prime riserve su quello che sarà il suo ruolo: “Nasco terzino, ma la zona dove penso di poter far meglio nel modulo di Galderisi (3-4-1-2, ndr) è come terzo di difesa a destra o sinistra. Comunque mi metto a disposizione del tecnico”, ha detto. E proprio il mister biancorosso è stato suo allenatore ai tempi della Triestina. Correva la stagione 2011/12, i due non si incrociavano da allora: “Ho incontrato mister Galderisi quando sono venuto qui a firmare. Lo stimo, è un allenatore che sa far giocare bene le sue squadre. Inoltre è stato un calciatore di alto livello e sa cosa ci vuole per vincere”.

Lo sa anche lo stesso Pezzi. Le sue esperienze di prestigio in Serie B lo dimostrano: Per fare buone cose si deve lavorare sui dettagli e qui lo si sta facendo. La società è molto attenta, parla con noi giocatori ed è il primo passo per fare qualcosa di importante”. Prima la società, poi i calciatori. Tutti sono fondamentali: “Vedo che tutti i ragazzi ascoltano il mister, è quello che serve per creare una stagione vincente – ha proseguito Pezzi -. Cosa darò alla Vis? Posso portare la mia esperienza ai più giovani, l’impegno, lavorerò sodo e metterò in campo tutto quello che serve per provare a vincere. Cercherò di stare bene fisicamente e di essere sempre disponibile. Sono sicuro che faremo dell’impegno e della volontà una nostra caratteristica. Ai tifosi chiedo di seguirci e di darci fiducia”, ha concluso.

Mentre tutt’altro che concluso è il mercato, anzi. Ufficialmente, la sessione estiva di trattative partirà il 1° settembre e si chiuderà il 5 ottobre, c’è tempo e spazio per tanti nuovi innesti. Specialmente under: “In un mercato così lungo non si può escludere niente – ha detto il ds Crespini -. In linea di massima abbiamo finito con gli over. Fino ad adesso abbiamo tenuto la linea di prendere solo profili importanti. Se qualcuno non ci convinceva né tecnicamente, né per la volontà di venire qui, l’abbiamo lasciato”. La Vis Pesaro sta crescendo, un Pezzi dopo l’altro.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome