Coronare un sogno, il neo acquisto della Sampdoria Lorenzo Sabattini

0
Il nuovo giocatore della Primavera della Sampdoria (foto Instagram)

Lascerà la scuola, la famiglia e i suoi amici. Ma come dice Lorenzo Sabattini “per coronare il proprio sogno non ci sono ostacoli”. Parola di un ragazzo pesarese ancora minorenne (farà 18 anni il 6 ottobre) che è pronto a trasferirsi a Genova, sponda Sampdoria, per coronare quel sogno che ha fin da bambino: diventare un calciatore.

“Ma un sogno già è stato coronato – racconta Sabattini – esordendo in serie C con la maglia della città“. 38 minuti con i biancorossi nell’ultima di campionato a Gorgonzola contro la Giana Erminio, la squadra che lo ha lanciato nel calcio professionistico. Prima della Vis, sui campi di Pesaro ha indossato anche la maglia del Muraglia. Poi anche un anno a Rimini nei giovanissimi. “Mister come Fulvio Giovannetti e Gianni D’Amore sono stati importantissimi per la mia formazione”, racconta il classe 2001 Sabattini che sulle spalle nella stagione 2018/2019 aveva il numero 26.

E Leonardo Colucci? “Un maestro. Per lui il giocatore non è solo la qualità, ma anche cuore e testa” spiega Sabattini. Poi il neo-acquisto della Sampdoria racconta l’anno in prima squadra alla Vis Pesaro appena trascorso: “Tante emozioni, ho imparato diverse cose. Non è facile vivere a questi livelli, sono orgoglioso di me”. Sarà il primo giocatore a passare a titolo definitivo da Pesaro a Genova nel progetto iniziato l’estate del 2018 chiamato Next Generation Sampdoria.

“Per me è un motivo d’orgoglio essere il primo giocatore del settore giovanile Vis ad andare alla Samp – racconta Sabattini, di ruolo centrocampista – e dovrò partire coi piedi per terra. Ma non sono uno che si accontenta”. Curiosità: a 14 anni Lorenzo fece un provino alla Sampdoria e secondo le parole dei genitori, dette da Sabattini, “è un ciclo che si chiude”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Quando da piccolo bastava che ti dessero un pallone per essere felice e dimenticare che avresti dovuto finire i compiti una volta tornato a casa dagli allenamenti.

Un post condiviso da Lorenzo Sabattini (@lorenzo.sabattini) in data:

Ora dovrà lasciare i genitori, “sarà la prima volta e non sarà di certo facile” spiega Sabattini. Anche la quinta superiore non la frequenterà più al liceo linguistico di Pesaro ma sicuramente non lascerà gli studi: “Devo decidere come fare, o alla scuola pubblica di Genova o alla scuola privata”. Dice grazie a Vlado Borozan e Claudio Crespini perché hanno creduto in lui fin dal primo giorno. Ora, dopo la firma di ieri pomeriggio, davanti a lui ci sarà la Primavera della Sampdoria.

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome