Coronavirus, Borozan: “Pronti per gli impegni. La Vis prenderà precauzioni”

0
Vlado Borozan
Vlado Borozan, in sala stampa.

Fino a che non fermeranno il campionato noi svolgeremo al meglio la nostra professione, per quello che è il nostro impegno“. Così ai nostri microfoni il dg biancorosso Vlado Borozan. Una situazione in continua evoluzione quella che stanno vivendo i Galderisi boys. Il tutto al netto della disputa comunque invariata (almeno per ora) del match di sabato contro il Gubbio: fischio d’inizio alle 17. Eppure alla luce del DPCM dell’8 marzo 2020 (Pesaro è classificabile come “zona arancione”) la società sta traendo le proprie conclusioni: “In questo momento mi sento di dire che la Vis Pesaro svolgerà il proprio dovere prendendo tutte le precauzioni del caso – afferma Borozan – Abbiamo l’obbligo verso proprietà e tifosi di portare tutto avanti come se niente fosse. Dobbiamo essere pronti per gli impegni che a oggi ci attendono“.

PRIMO CASO DI COVID-19 PER LA REGGIO AUDACE

Intanto il girone B ha registrato il suo primo caso di Covid-19 tra calciatori: è il difensore della Reggio Audace Alessandro Favalli. Lo ha annunciato con un comunicato la stessa società granata dopo che il giocatore si era sottoposto ad accertamenti all’Ospedale Maggiore di Crema. Inevitabile la profilassi per coloro che sono entrati in contatto col calciatore cremonese.

SCIOPERO DEI CALCIATORI? SCONGIURATO (PER ORA)

Per ora scongiurati stato di agitazione e sciopero dell’AIC (Associazione Italiana Calciatori). Secondo quanto riporta TuttoC, il confronto tra le parti in causa ha fatto propendere per mettere la situazione in stand-by. Il tutto in attesa del Consiglio federale straordinario FIGC del 10 marzo prossimo per individuare una linea comune sul proseguire o meno le attività.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome