Cosa c’è da sapere sulla Virtus Verona di Gigi Fresco

0
Domenica ore 16:30 Vis Pesaro-Virtusvecomp Verona
Luigi Fresco, tecnico della Virtusvecomp Verona

Una favola nel mondo del calcio. Questa la definizione della terza squadra di Verona, la Virtus del condottiero Gigi Fresco. Un caso di longevità unico in Europa, Fresco è sia allenatore che presidente della squadra veneta dal lontano 1982. L’anno del mundial per intenderci. Quando in campo c’era Paolo Rossi e nessuno degli attuali giocatori della Vis Pesaro era ancora nato.

Una storia, a cui Tuttosport ha dedicato due pagine nella sua edizione odierna, e che parte da una visione di Fresco. Dalla terza categoria alla Serie C, conquistata e mantenuta. Quest’anno la Virtus ha a disposizione una squadra che è il giusto mix per la categoria. Giocatori di esperienza, privati dei biancorossi Grandolfo e Rubbo (ex di giornata), uniti a giovani promesse. Con un Odogwu (punta nigeriana 28enne) in stato di grazia. Già 5 le reti messe a segno dall’attaccante africano. Sta facendo fatica a ripetersi sui livelli della passata stagione, quando collezionò 9 reti, Domenico Danti. Per lui quest’anno soltanto due presenze. I veneti dovranno fare a meno anche del difensore Gianni Manfrin, che nella vittoria in casa del Rimini è stato protagonista sia del gol che ha aperto le danze che di un’espulsione diretta nel secondo tempo. Tra i canditati a sostituirlo anche Fabiano Santacroce, difensore ex Serie A con le maglie di Napoli e Parma.

Stato di forma: una squadra con il vento in poppa

Una squadra con giocatori dal grande curriculum, da non sottovalutare” così l’aveva battezzata Capitan Paoli, in un’intervista di qualche giorno fa. Gli scaligeri arrivano al match con la Vis Pesaro da 3 vittorie nelle ultime 4 gare giocate. Soltanto la sconfitta con il Vicenza come risultato negativo delle ultime apparizioni. La vittoria in casa del Rimini, ottenuta in 10 uomini, avrà fatto alzare le antenne a Pavan e il suo staff. La gara, in programma domenica alle 15 a Verona, verrà preparata dai biancorossi senza lasciare nulla al caso.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome