Crederci sempre, per i tifosi è questa la legge. Domani Vis-Ravenna

0
I tifosi biancorossi nella trasferta di mercoledì a Bolzano (crediti foto Sudtirol FC)

Millecentosessanta chilometri in due giornate, tra sabato 18 e mercoledì 22 gennaio. Da San Benedetto del Tronto a Bolzano, dai tre punti nel derby alte-basse Marche alla sconfitta netta contro il forte Sudtirol. Passioni che vanno oltre i risultati. Bottino pieno o vuoto, il cuore e il brivido biancorosso rimangono centrali nel pensiero dei tifosi della curva Prato.

La prima gara del 2020 – contro il Cesena dove la Vis Pesaro ha vinto 1-0 grazie alla rete su rigore di Lazzari – contava su un Tonino Benelli stracolmo, con tanti tifosi arrivati dalla Romagna e un settore Prato che festeggiava con coreografia i 40 anni dalla nascita del movimento ultras nella città. Onore a chi c’era negli anni ’80, onore ai giovani che sono entrati nella curva nei diversi ricambi generazionali e onore a chi ha fondato tutto ciò. Anche domani 26 gennaio arriveranno tifosi dalla vicina Romagna.

Il Ravenna si presenta a Pesaro per un vero e proprio scontro salvezza. I precedenti negli ultimi due anni non sono soddisfacenti per i biancorossi: due sconfitte in trasferta e un pareggio a reti inviolate al Tonino Benelli. Lo stadio dovrà incitare i giocatori qualsiasi sarà il risultato. Perché il campionato è ancora lungo. Siamo solo alla 23^ giornata, ma i tre punti in questa sfida sono fondamentali per quello che poi offre il calendario nel mese di febbraio. Trittico con Padova, domenica prossima in trasferta, la capolista Vicenza al Benelli il 9 e il lunghissimo viaggio a Trieste domenica 16. Crederci sempre, per i tifosi è questa la legge.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome