Galderisi prima del Modena: “Stramaccioni è un piccolo Chiellini”

0
Stramaccioni
Ora è ufficiale: Stramaccioni è un nuovo giocatore della Juventus. (Foto Vis Pesaro 1898)

Insomma, il campionato è iniziato e ormai ci si può concentrare solo sul campo: che potrà mai succedere? A distanza di una settimana, ripescare dalla superficie della memoria i pensieri e le sensazioni dello scorso sabato fa un certo effetto. In sette giorni è successo di tutto. Dall’esordio stagionale ai lampi di mercato – l’arrivo di Bismark e la clamorosa/fantastica cessione di Stramaccioni alla Juventus -, passando soprattutto per lo shock per quanto accaduto al Direttore Generale Vlado Borozan. La carne al fuoco non manca. E, giustamente, mister Galderisi è partito proprio da lì. Da un abbraccio virtuale da far recapitare al dirigente della Vis Pesaro che in questi giorni sta portando avanti il suo recupero:

“È stata una settimana particolare per noi, avrei voluto fare un comunicato da parte dei ragazzi e del mio staff – ha esordito Nanu Galderisi nelle dichiarazioni di vigilia del match contro il Modena -. Ho sentito ogni giorno il nostro direttore (Borozan, ndr) che con tanto amore, sorriso e “ironia” sta cercando di starci vicino anche in un momento così difficile. A nome di tutti quelli che lavorano sul campo, dal primo all’ultimo, vorrei mandargli un abbraccio forte, sentito, vero, col sorriso sulle labbra. Questo è il nostro spirito dal 3 agosto, da quanto abbiamo iniziato a costruire questa squadra, e così dovrà restare. Lui lo sa che gli siamo vicino, che faremo il massimo e che insieme faremo grandi cose”.

IL MODENA NEL MIRINO

Parole al miele che anticipano una vigilia infuocata. Quando si torna a parlare di campo, Nanu cambia volto e tono delle sue dichiarazioni:Cosa c’è da migliorare dopo il Legnago? Stiamo lavorando sotto tanti aspetti. Dobbiamo mostrare più qualità, personalità, e concretezza. Veniamo da un primo tempo ottimo, specialmente nei primi 10-15 minuti di gioco. Quindi abbiamo lavorato su quello e sugli errori commessi. Essendo ancora alla seconda giornata di campionato abbiamo tutte le carte in regola per poter lavorare bene, e crescere. Il test di domani sarà già molto importante”.

Eh sì, lo si intuiva fin dalla stesura dei calendari. Quello contro il Modena ha tutta l’aria di essere il primo crocevia della stagione. Essere o non essere una candidata serissima ai piani alti della classifica: questo è il dilemma della Vis Pesaro. Intanto, Galderisi presenta così gli emiliani: “Il Modena è una squadra forte, costruita per vincere, che come tutti sta cercando di sistemare i giocatori arrivati in ritardo. È un ottimo test sotto tutti i punti di vista, ha giocatori di categoria vera. Bisognerà sfoderare una prestazione sopra le righe. Fatta di concentrazione, attenzione, e coraggio”.

E per fare bene non esiste una formula precisa, un undici titolarissimo. Esiste solo lavorare bene in gruppo:Io non faccio distinzioni tra under e over – ha proseguito il mister -. Cerco di mettere in campo la squadra migliore, abbiamo tanti under bravi che devono crescere e stiamo lavorando su quello. Sulla personalità e gestione delle partite degli under, e sulla forza ed esperienza degli over. Cerchiamo di sfruttare al massimo la rosa a disposizione perché ci saranno tante partite e affronteremo un percorso di crescita continuo”.

IL MERCATO E QUEL PARAGONE ILLUSTRE

Infine, Galderisi ha commentato gli ultimi movimenti di mercato: “Cercavamo un’alternativa o un giocatore complementare a Marcheggiani. Con una struttura e caratteristiche diverse. Ne abbiamo valutati tanti, la scelta di prendere Bismark è stata ponderata. Conosco il ragazzo e mi piace, così come il giocatore. Deve trovare la condizione ma ha già mostrato uno spirito vincente, che poi è lo spirito di questo gruppo”.

Stramaccioni, invece, si è appena trasferito alla Juventus. Un movimento per ora solo cartaceo, visto che il classe 2001 resterà per un anno in prestito a Pesaro. Questo salto finirà per distrarlo? Nanu risponde così: “No, non è il tipo. L’ho visto il primo giorno di allenamento, ai provini, e la cosa che mi ha colpito più di Stramaccioni è stata la sua concentrazione “da invasato” con la quale svolgeva il primo esercizio con la palla. Non ha mai sbagliato un allenamento, né un atteggiamento, metto la mano sul fuoco che diventerà un calciatore importante. Mi hanno chiamato da Torino per chiedermi informazioni su di lui e la mia risposta è stata questa: avete preso un piccolo Chiellini.

Non manca anche un commento finale su quanto successo al Genoa. Il focolaio di coronavirus nato tra calciatori e staff (14 contagiati) ha portato al rinvio del match dei rossoblu contro il Torino in Serie A, facendo trapelare i primi scricchiolii del protocollo anti-Covid. E nutrendo i timori di una nuova sospensione dei campionati: “Non ci penso neanche a un nuovo stop – ha detto Galderisi -. Noi , tra staff e giocatori, stiamo facendo le cose per bene. Rispettando al massimo le regole. Dobbiamo farlo tutti, ma c’è anche il bisogno di portare avanti la nostra vita, fare altrimenti sarebbe un massacro mentale. Ci vuole più buonsenso e rigidità: chi rispetta le regole al massimo può essere sfortunato, anche se la sfortuna a volte ci vede bene”.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome