Galderisi: “Siamo giovani, ma siamo pronti. I punti arriveranno”

0
galderisi
Il tecnico della Vis Pesaro, Giuseppe Galderisi. (foto: Vis Pesaro 1898)

Pazienza. Chiede pazienza, mister Galderisi. Pazienza e fiducia in un gruppo giovane che ha ancora ampi margini di miglioramento. Due componenti che finora nessuno, a Pesaro, ha fatto mancare nei confronti di questa nuova Vis. Pazienza per permettere allo staff tecnico di lavorare, agli under di imparare a stare in un campionato complicato come la Serie C, agli over di entrare in condizione e trascinare il resto dei compagni. La Vis Pesaro sa di avere a disposizione un gruppo solido, da playoff. Fiducia: bisogna solo permettergli di carburare.

Ma fiducia è anche pensare che questa squadra sia in grado di prendersi i primi tre punti di questo campionato in casa del Ravenna. Domani sera (ore 20:45), sarà il primo dei 9 turni infrasettimanali che comprimeranno questo campionato intensissimo. I giallorossi sono una bestia ferita e il compito di Marchi e compagni sarà tutt’altro che facile, o già scritto. Nanu Galderisi ci tiene a precisarlo:

“Chi confronta Ravenna e Modena sbaglia completamente strada – ha dichiarato il tecnico biancorosso -. Il Ravenna giocherà con il sangue negli occhi, con la cattiveria e la rabbia di chi non ha raccolto punti. Sarà una battaglia. Mi aspetto una partita complicata sul punto di vista del temperamento e dell’intensità. Noi dovremo essere bravi a ripagarli con la stessa moneta. Se cambierò l’11 pensando ai tanti impegni? Sto cercando di valutare tutto molto attentamente. Non ho mai guardato il Ravenna prima del Modena, così come ora non guardo il Matelica (prossimo avversario sabato al Benelli, ndr). La partita che viene è sempre la più importante, poi a fine gara faremo le nostre valutazioni. Certo è che giocare tre partite in sei giorni non è semplice“.

NIENTE IMPERATIVI, E NIENTE CAMBI TATTICI

A chi chiede se la vittoria, domani, sia d’obbligo, Galderisi risponde così: Di imperativo non c’è niente – continua -. Dobbiamo solo mettere in atto una buona prestazione, come abbiamo fatto a Modena. Se mi basassi solo sui risultati sbaglierei tutto. A me interessa che attraverso le nostre convinzioni, consapevolezza e lavoro, vengano fuori partite all’altezza. La mia squadra non deve sbagliare la prestazione, e finora non l’ha mai fatto. Abbiamo sbagliato molte cose, che sono da migliorare, ma non è che vogliamo fare punti senta essere pronti: siamo pronti, e i punti arriveranno.

Per fare punti servirà anche subire meno in fase difensiva. I dati sono oggettivi, e parlano chiaro: la Vis Pesaro ha subito 5 gol nelle prime due partite di campionato. Solamente la Lucchese è partita peggio tra tutti e tre i gironi di C. Per raddrizzare le cose, prosegue Galderisi, non serve alcun cambio di modulo. Solo migliorare sul piano dell’attenzione difensiva:

“Abbiamo preso un gol su calcio d’angolo, uno su punizione al 95′ e tre a difesa schierata commettendo tre errori in marcatura. Quindi non è questione di difesa a 3, 4, 5, ma di crescere sotto il punto di vista dell’attenzione e di avere pazienza, perché i giovani hanno bisogno di lavorare e crescere, non di avere dubbi e incertezze. Siamo una squadra giovane, i giovani sono forti e miglioreranno: io ci credo”.

LA FORMAZIONE

Passando alla formazione, ci si chiede quando Lazzari sarà nuovamente arruolabile. “Sono felicissimo di quello che sta facendo. Si sta allenando tutti i giorni da un mese e mezzo, e questo già è un grande successo. La testa del ragazzo c’è, così come la voglia di onorare la maglia della Vis”, dice l’allenatore vissino. Presto tornerà in campo. E De Feo?

“De Feo è reduce da una settimana particolare. A Modena è rimasto fuori perché aveva dei problemi, e io non voglio forzare nessun giocatore perché ho alternative importanti. Che siano over o under non me ne frega: io voglio mettere in campo la miglior formazione possibile. Si è allenato con un po’ di attenzione, lo conosco bene e ha grande voglia di giocare.

Sull’11 titolare, da Via Simoncelli non ci si sbilancia: “Ci sono dei ragazzi che hanno giocato tanto e altri che hanno giocato meno. Il rischio è sempre lo stesso: do continuità e ammazzo qualcuno o metto qualcun altro in panchina? La nostra filosofia è che non esistono titolari, ci sono ragazzi che hanno bisogno di giocare e devono essere giudicati per le loro prestazioni. Io non ho dubbi nelle scelte, al di là della vittoria o della sconfitta. Chi non gioca domani non è che sta in panchina perché domenica abbiamo perso”.

Poi la chiosa finale: “Sono stati commessi degli errori in difesa, così come in attacco. È la forza di un gruppo quella di non rassegnarsi se le cose vanno male e a non esaltarsi se le cose vanno bene“, conclude Galderisi.

I CONVOCATI

Di seguito, ecco la lista dei convocati della Vis Pesaro per la trasferta di domani sera (20:45) a Ravenna.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome