Ivan, il ritorno in campo del gioiellino slovacco è più vicino che mai

0
Genova, 17/12/2015 Coppa Italia/Sampdoria-Milan David Ivan

Settecentosessantuno giorni. Diciottomiladuecentosessantaquattro ore. Archi temporali da prefisso telefonico. In altre parole: tanto è il tempo passato dagli ultimi minuti in campo di David Ivan da Bratislava, eccezion fatta per 59’ giocati poco più di un anno fa con la Primavera della Sampdoria. Eppure sembra facile richiamare alla mente quel 20 dicembre 2015, quando la giovane promessa strappata un pugno di anni addietro all’Everton siglava la prima rete in maglia blucerchiata. Una rete pregevolissima, un pallonetto a scavalcare l’esperto Sorrentino, il degno coronamento di un cambio di fronte di Muriel. Impossibile descrivere la reazione di un “Marassi” sanguigno e deandrediano. Pochi mesi dopo, l’inizio del calvario. Prima un problema muscolare di lieve entità, poi uno stiramento da cui recupererà nell’estate del 2016. Le poche chance concesse da Montella lo proiettano verso un prestito: è Bari la realtà prescelta per un immediato rilancio. Nove gare, una rete. Il 29 ottobre dello stesso anno è lesione al bicipite femorale sinistro. Una mazzata di quelle che abbattono lo spirito senza se e senza ma. La stagione per lui finisce nell’arco di quei novanta minuti, nonostante i tempi di recupero previsti siano sulla carta ben più compressi. Nella stagione 2017/2018 il ritorno alla casa madre doriana, con un ulteriore prestito proprio a quella Pro Vercelli affrontata nel giorno più duro del suo vissuto calcistico. Zero le presente totalizzate col club piemontese. Un rapporto mai sbocciato col tecnico Grassadonia, il j’accuse del presidente Massimo Secondo. Un pugno di mesi fa la svolta dietro l’angolo: la società di piazza Borgo Pila gli propone Pesaro. Una piazza appena risalita in Serie C dopo tredici anni di dilettantismo, dirigenza solida, staff tecnico di primo livello, la giusta pressione per rilanciarsi nel calcio che conta. Ivan tentenna, si lascia cuocere a fuoco lento dal ds Claudio Crespini, forte dell’asse sempre caldo tra Marche e Liguria. Il 17 agosto arriva la tanto agognata ufficialità. Attenzione però: c’è un recupero ancora da completare. Il centrocampista di Bratislava lavora senza sosta. La Pesaro biancorossa aspetta un suo debutto che puntualmente arriva il 19 agosto. Avversario di turno la Berretti di mister Scardovi. Per David 5 i minuti in campo nella ripresa, con la ricaduta fisica che non ti aspetti. Tre mesi complicati tra Pesaro e Genova, nel weekend il ritorno in città, lunedì la ripresa degli allenamenti col gruppo. Ci sono ritmo partita da riprendere, affiatamento coi compagni da riconquistare, gerarchie in rosa da scalare. Il tifo biancorosso lo aspetta a braccia aperte. L’orchestra a tinte biancorosse aspetta il suo potenziale primo violino. Sarà spettacolo assicurato.

 

 

Crediti della foto in evidenza: Samp Generation

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome