L’ importanza del risultato

0

E’ passato in archivio un altro derby con la Samb, e il risultato è identico a quello dell’andata. Un pareggio per una rete a testa, una battaglia nella fanghiglia del “Tonino Benelli“, e tanto agonismo. Ma c’è anche dell’ altro. Serviva un segnale dopo la sconfitta di Gubbio, e l’appuntamento non era dei più facili. Di fronte una Sambenedettese solida, che ha saputo aspettare il calo fisico degli uomini di Colucci. Era importante smuovere la classifica, la vittoria sarebbe stata la classica ciliegina. Ma in campo ci sono anche gli avversari, che hanno lasciato la Vis Pesaro giocare per tutto il primo tempo. Rendendosi pericolosi in contropiede.

 

Nella seconda frazione i biancorossi sono partiti forte. Petrucci, unica fonte di vera qualità (Lazzari neanche in panchina) è stato marcato a uomo per 90 minuti da Rapisarda. Ma il talento marchigiano ha saputo rendersi imprendibile in un paio di occasioni, una di queste quella che ha portato al tiro in porta decisivo. Al 65′ Petrucci parte dalla destra, si accentra e lascia partire una conclusione potente. La difesa devia il pallone ma Pegorini è bravo in contro tempo a parare. Sul tap-in arriva Guidone e fa 1-0. Troppo importante. Tornare al goal con il nuovo acquisto, preso proprio per mettere la palla in rete. Proprio in quel momento la Samb trova coraggio e riesce a rimettere in parità il match dopo solo 6 minuti. Da quel momento è una vera battaglia, che termina con un punto a testa. Nel mezzo qualche decisione arbitrale che ha fatto sussultare il “Benelli“, ma siamo nel campo dei se e dei ma. Quello che conta alla fine è sempre il risultato, ma vedere una squadra giocare in questo modo e non vincere da 7 partite sembra inspiegabile. Ma come ama ripetere sempre mister Colucci: <Dal lavoro arrivano i risultati>. E di lavoro se ne sta facendo tanto.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome