La Vis Pesaro cerca un over in difesa e in attacco: occhi su Cacia

0
cacia
Daniele Cacia è un obiettivo della Vis Pesaro (foto: Hellas Verona)

Meno due all’apertura del calciomercato invernale. Un po’ l’ultimo appiglio di chi, come la Vis Pesaro, ha necessità di invertire la rotta di una stagione nata storta. Cominciata malissimo e proseguita a singhiozzo. Comprare per ricucire gli errori estivi, questo il diktat. E al Benelli c’è da rattoppare praticamente tutte le zone del campo. A partire dall’area piccola.

PORTIERECome anticipato nei giorni scorsi da SoloVisPesaro, con tutta probabilità in Via Simoncelli arriverà un portiere. Il nome più caldo è quello di Riccardo Tosi del Mantova, un classe ’99 che Di Donato ha già avuto ad Arzignano in Serie D. Per lui 0 presenze quest’anno e 29 totali tra i professionisti, accumulate la scorsa stagione – sempre ad Arzignano – tra campionato, coppa e playout. Insomma, non proprio un profilo d’esperienza.

Il suo arrivo, così come quello di un qualsiasi altro estremo difensore, quasi certamente porterebbe all’addio (temporaneo o permanente) di Bianchini. E Puggioni? Sull’ex Samp non possiamo fare altro che ripetere ciò che sappiamo ormai da un paio di mesi: è sotto contratto fino a giugno 2021, non è stato messo fuori rosa ma di fatto non fa parte del progetto tecnico. La sua situazione è interessante soprattutto per questioni di lista. Escludendolo ufficialmente dall’elenco dei 25, a gennaio si libererebbe un posto per un nuovo acquisto anche senza dover per forza cedere qualcuno.

DIFENSOREIl Resto del Carlino di oggi scrive di una Vis Pesaro allarmata per i troppi gol subiti, e che vorrebbe correre ai ripari aggiungendo un centrale over alla sua difesa. Un pensiero ancora astratto come conferma il “Vediamo” del ds Crespini sulle colonne dell’edizione odierna del quotidiano. Nel caso in cui si volesse intervenire potrebbe essere necessaria qualche uscita. Di Donato ha già a disposizione cinque difensori centrali (Gennari, Farabegoli, Lelj, Brignani e Stramaccioni). Aggiungerne un sesto potrebbe confermare il ritorno definitivo alla difesa a tre, o rendere quasi obbligatoria una cessione.

Sulla fascia destra Eleuteri è dichiaratamente sul mercato. Al suo posto nei giorni scorsi si è fatto il nome di Carissoni (’97) del Torino, ma non ci sono sviluppi in tal senso dal 22 dicembre.

CENTROCAMPISTA – L’unico centrocampista ufficialmente in uscita è Pezzi, che dovrebbe ritrovare Riolfo alla Pistoiese. L’ex Carpi probabilmente non sarà rimpiazzato: secondo il Resto del Carlino, visto l’arrivo in corsa a novembre di Di Paola non sarà necessario intervenire ulteriormente per un nuovo centrale di centrocampo.

ATTACCANTE – Sull’attaccante si hanno più certezze in uscita che in entrata. Stando a quanto riportato da noi di SoloVisPesaro la scorsa settimana, Marcheggiani (nonostante il tentativo in extremis del Bisceglie) dovrebbe partire verso Lucca già il 4 gennaio, giorno di apertura formale del mercato. In uscita c’è anche Bismark, su cui si è registrato il timido interesse del Legnago.

Arriverà un attaccante, questo è sicuro. Probabilmente sarà un centravanti over, d’esperienza, con più di qualche manciata di gol alle spalle nella categoria. Il nome che riporta il Resto del Carlino è quello di Daniele Cacia. Secondo miglior marcatore della storia della Serie B con 134 reti (il primo è Schwoch a 135), è fermo dall’8 dicembre 2019, giorno della sua ultima gara con la maglia del Piacenza proprio nel Girone B di Serie C (1 gol in 14 giornate). A 37 anni – e nonostante l’anno di stop – non ha ancora appeso gli scarpini al chiodo: sembra essere lui la punta preferita dal nuovo responsabile dell’area tecnica, Alessio Peroni.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome