La Vis Pesaro è pronta per il ritiro: si parte il 18 luglio. Ma in 9 restano al Benelli

0
Vis Pesaro - A
La Curva Prato del Tonino Benelli.

È tempo di ripartire. Di respirare aria fresca di collina, fare il pieno di benzina e prepararsi al meglio per il via del campionato (29 agosto). La Vis Pesaro targata Marco Banchini comincerà a prendere forma a partire dal prossimo 18 luglio, data che darà il via al ritiro estivo in quel di Chianciano Terme, in provincia di Siena.

Come riportato dalla società, la squadra si è già ritrovata il 15 luglio per effettuare le consuete visite mediche pre-stagionali. Poi un altro rito, quello dei tamponi, al quale seguiranno due giorni di test atletici tra sabato e domenica mattina. E infine la partenza domenica pomeriggio per la Toscana. La Vis Pesaro resterà ad allenarsi a circa 500m sul livello del mare fino al 1° agosto, giorno di rientro. Anche se non per tutti.

Per diversi componenti dell’attuale rosa biancorossa non ci sarà alcun ritiro. Se non all’ombra delle gradinate del Benelli. Stando a quanto raccolto dalla nostra redazione, ben 9 calciatori vissini resteranno infatti ad allenarsi a Pesaro. Si tratta di Gennari, Nava, Eleuteri, Pezzi, De Feo, Lazzari, Germinale, Marcheggiani e Marchi. Come da norme federali, nonostante siano fuori rosa verranno seguiti da un allenatore, un preparatore atletico e un fisioterapista. Accortezze dovute ma sintomatiche delle intenzioni della società. Tradotte: “cercatevi un’altra sistemazione”.

INTANTO, IN SERIE C

Mentre la Vis Pesaro parte per il suo ritiro (e organizza le prime amichevoli: seguiranno aggiornamenti nei prossimi giorni), c’è chi ancora non sa se parteciperà o meno alla prossima Serie C. Il ritornello è sempre lo stesso da un milione di estati a questa parte. Quest’anno, le squadre bocciate dal Consiglio Federale sono 5: Casertana, Carpi, Novara, Paganese e Sambenedettese. Alle quali si aggiunge pure il Chievo Verona in Serie B. Ora i club avranno tempo fino a sabato 17 luglio per fare nuovamente ricorso, questa volta al Consiglio di Garanzia del CONI, e sperare nell’ammissione al campionato.

C’è cauto ottimismo nei confronti di Paganese, Sambenedettese e Carpi, mentre la Casertana di fatto ha già rinunciato. Nel marasma generale, il Cosenza ha fatto richiesta per la riammissione in B a seguito dell’estromissione del Chievo, arricchendo così le tante (troppe) ipotesi su chi verrà o meno ripescato nei Pro. Tra retrocesse in D – c’è anche il Fano, ma sullo sfondo – e perdenti ai playoff promozione dai dilettanti, il quadro è infinitamente complicato. Il solito inaccettabile casino. Che verrà risolto in via definitiva il prossimo 27 luglio, giorno predisposto alla stesura ufficiale degli organigrammi di Serie B e C.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome