Leonardo Colucci pre-Ravenna: “La vittoria manca a tutti”

Vis Pesaro-Ravenna, la prima delle sei sfide finali. Assenti Briganti e Petrucci, torna Olcese. "Dobbiamo vincere qualche duello in più, è il break che ci permette di avere più occasioni davanti"

0
Mister Leonardo Colucci in conferenza stampa prima della rifinitura a porte chiuse

“Domani sono il primo che si aspetta la vittoria”. Esordisce così nella conferenza del sabato Leonardo Colucci pronto e carico per questa sfida fondamentale contro il Ravenna: “La vittoria manca a tutti, vedo la giusta voglia nei ragazzi”.

Sarà assente ancora per un problema fisico il difensore centrale Marco Briganti, “che mi aiuterà in panchina come a Fermo“, vista la squalifica del mister in seconda Gianni Migliorini. Assente per somma di cartellini gialli Andrea Petrucci, rientrerà però Olcese – che martedì in sala stampa si è dichiarato “pronto a segnare” – dopo aver scontato la diffida nel derby della scorsa settimana.

“Ho sempre gli stessi interpreti, il modulo cambia poco. Le caratteristiche dei giocatori rimangono le stesse, è chi scende in campo che riduce o eleva il lavoro fatto in settimana”. Un lavoro che il mister reputa “importante per decidere chi scende in campo”. Quello quotidiano e settimanale, quello dove si fa gruppo e dove si prepareranno queste ultime sei finali. “È la testa che comanda tutto” spiega un determinato e voglioso Colucci.

“Il Ravenna è una squadra forte fuori casa, le motivazioni come sempre faranno la differenza” continua il mister, che poi spiega dove la squadra deve migliorare: “Dobbiamo vincere qualche duello in più, è il break che ci permette di avere più occasioni davanti”. Il centrocampo sarà fondamentale, dove Colucci si aspetta “giocatori che cercheranno di più il palleggio, con il controllo palla orientato anche in avanti”.

Possibile conferma del trio Botta-Gaiola-Ivan (con Tessiore che scalpita per una maglia tra i primi 11) con quest’ultimo tornato a giocare 81 minuti di gara dopo ben due anni e mezzo di problemi fisici: “Con Ivan ci parliamo spesso, domenica scorsa ha giocato sereno”. Colucci ha voluto spiegare un concetto molto importante riguardo al giocatore slovacco classe ’95: “Ivan non ha 80 partite di esperienza nelle gambe accumulate in questi anni, ma un totale di 25 prestazioni in quattro anni”.

Il numero 10 Flavio Lazzari non è ancora al 100%, “si è allenato solo un giorno e mezzo” spiega Colucci. Attacco a due con alle spalle un trequartista, o doppio trequartista dietro una prima punta. Dubbi che però risolverà “chi ha voglia di tirare in porta“. In settimana ci sono stati anche allenamenti specifici per tentare il tiro da fuori area.

Sarà un posticipo di giornata – si gioca alle 20.30 in contemporanea con Feralpisalò-Giana Erminio, tutte le altre saranno alle 16.30 – ma il mister spiega che “non ho una squadra che può fare calcoli, nonostante ci siano tanti grandi”. La prima delle sei finali per la volata salvezza ha inizio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome