Occhio Vis, l’Arezzo è doppiamente pericoloso. Ecco perché

2
arezzo
L'Arezzo si allena in vista del match contro la Vis Pesaro (foto: S.S. Arezzo).

Il livello di attenzione è alto. Allenatore, squadra, tifosi: tutti sanno che manca l’ultimo sprint. La Vis Pesaro non è salva, per il momento si è solo avvicinata all’obiettivo. Ha 6 punti di vantaggio sui playout – ovvero su Legnago e Fano a pari merito – e due partite “abbordabili” (Arezzo e Fermana) per chiudere la pratica in anticipo. Avventurarsi in rischi inutili nelle ultime due giornate contro un Mantova che crede ai playoff e il Sudtirol forse ancora in piena lotta per la promozione diretta, non è saggio. Ma è anche sbagliato pensare che l’Arezzo (prossimo avversario) abbia un solo obiettivo, cioè arrivare davanti al Ravenna.

Gli amaranto sono ormai matematicamente fuori dai giochi per la salvezza diretta. La Vis Pesaro dista 13 punti, e i punti totali a disposizione sono 12. Ecco la classifica:

La classifica del Girone B a 4 giornate dal termine (lega-pro.com).

Il Ravenna, ultimo, non vince dalla 16ª giornata. Era esattamente un girone fa, il 19 dicembre 2020: Ravenna-Imolese 3-2. Da allora la squadra di Colucci ha racimolato 11 punti, compreso il pareggio-suicidio nel recupero di mercoledì contro il Cesena. Un 2-2 subito in rimonta tra 88′ e 91′ partendo da 2-0. È vero che distano solo una lunghezza dall’Arezzo, ma i romagnoli sono i crisi nerissima e, comunque, c’è uno scontro diretto all’orizzonte (Arezzo-Ravenna del 25 aprile) dove giocarsi il tutto per tutto.

Per questo il problema più urgente dell’Arezzo arriva da chi sta davanti. Infatti, se a fine campionato i toscani dovessero avere 9 o più punti tra sé e la 16ª in classifica verrebbero automaticamente retrocessi in Serie D. Senza playout. A quel punto la 16ª classificata si salverebbe direttamente*.

Questa è la regola testuale della Lega Pro:

“La squadra penultima classificata al termine della regular season del Campionato Serie C retrocederà direttamente al Campionato di Serie D, qualora il distacco in classifica dalla squadra quintultima sia superiore a 8 punti.

La squadra terzultima classificata al termine della regular season del Campionato Serie C retrocederà direttamente al Campionato di Serie D, qualora il distacco dalla squadra quartultima classificata sia superiore a 8 punti”.

I punti tra Arezzo e Legnago, 16°, al momento sono 7. I veneti – così come Fano e Imolese – possono ancora salvarsi direttamente senza ricorrere a cavilli strani, e stanno facendo la corsa proprio sulla Vis Pesaro. Nonostante questo, tutte e tre sanno perfettamente che arrivando 16° e mettendo 9 punti tra sé e l’Arezzo eviterebbero i playout. E tutte e tre da qui a fine stagione ne sono pienamente in grado.

Gli amaranto rischiano grosso, hanno un bisogno disperato di fare punti a prescindere da quello che combina il Ravenna. La Vis Pesaro lo sa e ne terrà conto. Quella di domenica sarà una partita tutt’altro che agevole come potrebbe suggerire la “carta”. L’Arezzo, ferito, rischia di essere doppiamente pericoloso.

*N.B. Nei gironi A e B, i playout si disputano tra: quintultima-penultima e quartultima-terzultima in regular season.

Nota della redazione: erroneamente abbiamo definito l’Arezzo come “granata” e non “amaranto”. Ce ne scusiamo, anche se “Il granata (o rosso granata) è un colore che, all’aspetto, pare un rosso scuro, assai vicino al bordeaux e all’amaranto”. Ecco.

2 COMMENTI

  1. Giornalista e giornalaio ,ma te l’ha mai detto nessuno che la società Arezzo calcio è di colore Amaranto e non granata ?? Informati prima di scrivere queste cazzate ___Distinti Saluti

    • Mi scuso per l’errore grossolano. In effetti la differenza tra granata e amaranto è così marcata che non so come il giornalista e giornalaio abbia fatto a confonderli, una tragedia. Comunque è un’imprecisione ed è corretto che me l’abbia segnalata, la ringrazio. Magari la prossima volta, mentre io ripasso la tavolozza dei colori, lei cerchi di imparare un approccio alla vita meno aggressivo. La saluto Leonardo, o Alexandru.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome