Padova-Vis Pesaro, -3: biancoscudati per il riscatto, parla Sogliano

0
Padova
Feraalpisalò-Padova 3-1 - foto Feralpisalò

Una squadra costruita per vincere. Una macchina da guerra guidata dalla vecchia volpe del calcio italiano Andrea Mandorlini. Genio e cadute improvvise, come quella di domenica scorsa nella tana della Feralpisalò: un 3-1 tutto in rimonta che riporta il Padova coi piedi per terra. Il che si traduce nel terzo posto attuale, a -2 dal più costante Sudtirol. In Veneto la consapevolezza è quella di avere tra le mani qualcosa come due squadre che potrebbero ambire ai playoff. E magari vincerli, perché il sodalizio di patron Oughourlian (già numero uno del Lens) non ha mai nascosto la volontà di ritornare in Serie B. Nel frattempo, il prossimo ostacolo è rappresentato da una Vis Pesaro in netta ripresa. Di Donato ha infuso identità e coesione, la miccia offensiva (se ben innescata) può creare non pochi grattacapi alla difesa patavina. Reparto diffensivo che potrebbe registrare le assenze di Kresic, Gasbarro e Germano: se il primo è alle prese con un infortunio muscolare, il secondo prova a recuperare dopo uno stiramento alla coscia.

Così intanto il ds patavino Sean Sogliano ha introdotto il match di domenica al Corriere del Veneto: “Ora dobbiamo andarci a prendere i punti uno ad uno, a cominciare dalla partita con la Vis Pesaro. Sono convinto che sia necessario alzare il ritmo: solo così si può ottenere quello che cerchiamo.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome