Pavan: “Una prestazione super per noi”. Lelj: “Che emozione il gol in casa”

1
Coni
crediti Filippo Baioni

Un punto d’oro contro la capolista Vicenza. Una gara di sacrificio, grinta e determinazione. Ma anche fasi di qualità e palleggio, soprattutto a inizio ripresa. Voglia di dimostrare, di emergere e di rialzarsi dopo la pesante sconfitta di domenica scorsa a Padova. La Vis Pesaro di Simone Pavan ha dimostrato che con il carattere e la ferocia si possono strappare punti a chiunque.

“Non avevo dubbi della reazione dei miei ragazzi, sono soddisfatto e orgoglioso di loro“, commenta Pavan in sala stampa nel post partita del match contro il Vicenza. Mentalità, quella che serviva per strappare punti alla capolista che nonostante il pareggio ha guadagnato un punto sulla Reggiana, uscita demolita 5-1 dalla trasferta a Carpi.

“C’era la determinazione di essere concentrati al massimo – dice Pavan – Abbiamo reagito e i ragazzi hanno pedalato. Una prestazione super per noi“. La Vis infatti ha subito lo svantaggio in apertura di gara con il gol per il Vicenza di Arma, bestia nera di Pesaro visto che ha segnato tre gol in quattro gare contro i biancorossi. Ma la squadra ha reagito, macinando chilometri e lottando su ogni palla. “Bisogna essere sempre feroci, è una soddisfazione fermare la prima della classe“, commenta Pavan, contento del punto preso che porta la Vis a quota 27.

Ottima la prestazione nella Vis di Ngissah, giocatore arrivato nell’ultimo giorno di mercato dall’Imolese e alla sua prima da titolare in biancorosso. Sacrificio, umiltà e orgoglio. Ma a centrocampo oggi da segnalare anche la grandissima gara di Ejjaki. Il classe ’99 ha saputo abbinare qualità e quantità per tutti i 90 minuti, nonostante di fronte a sé avesse un giocatore del calibro di Rigoni. Parlando di under, la Vis ha chiuso con sette giovani in campo. Campeol, Di Munno e Bianchini, subentrato al posto dell’infortunato Puggioni. Per il portiere della Vis in settimana si capirà l’entità del problema muscolare.

LA BESTIA NERA DEL VICENZA: TOMMASO LELJ

Ma chi è andato oltre l’asticella, chi ha dato una compattezza incredibile al reparto difensivo e chi ha segnato un eurogol – “alla Van Basten” lo ha definito il tecnico avversario Mimmo Di Carlo – contro il Vicenza è Tommaso Lelj, alla sua prima rete in biancorosso. Lelj è tifoso del Vicenza ed è figlio di Giuseppe, ex giocatore vicentino dal 1976 al 1978, due stagioni che hanno portato il Lane Rossi dalla B al secondo posto in serie A.

Anche la stagione scorsa, in maglia Ravenna, segnò contro il Vicenza. “Speriamo che mi facciano rientrare in città la prossima volta”, ci scherza su Lelj, leader a 34 anni della difesa biancorossa. “Fare gol è sempre un emozione particolare – spiega Lelj – Farlo davanti ai nostri tifosi è stato bello, mi è venuto spontaneo correre sotto la curva”. Tutti uniti, i giocatori biancorossi sono corsi sotto il settore Prato per festeggiare il gol del pareggio, quello decisivo per portare a casa un punto d’oro.

1 COMMENTO

  1. …Siamo tutti molto contenti del risultato !
    ma per le prossime partite dobbiamo trovare un alternativa a Misin che non ha le caratteristiche per giocare in mezzo al campo e ieri ha faticato tanto.
    in altre partite ha fatto bene Gabbani che ci garantisce più corsa e tecnica

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome