Per Bosco sarà “l’anno della rinascita”. E Ricci sogna la Vis Pesaro in Serie B

1
Il sindaco Ricci insieme al presidente Bosco il giorno della presentazione in Comune della nuova proprietà della Vis Pesaro.

Si era detto “piano coi proclami” e invece eccolo lì, un piccolo inciampino. Che ci sta, sia chiaro, specie se arriva direttamente dal numero uno. Per il presidente della Vis Pesaro Mauro Bosco quello in divenire sarà l’anno della rinascita, scrive il Resto del Carlino. Parole arrivate durante un evento del Panathlon di Pesaro al quale era presente anche il sindaco Matteo Ricci. Il primo cittadino pesarese – scrive il quotidiano – ha parlato a lungo con il presidente, figura che ha sempre sostenuto e con cui è noto abbia un buon rapporto.

Non che i legami interpersonali del sindaco possano essere chissà quale oggetto di dibattito. Hanno assunto però una certa rilevanza nell’ottica dell’approvazione comunale del famoso progetto infrastrutturale di Villa Fastiggi, la Cittadella del Pallone. Un centro sportivo che sarà finalmente degno del calcio professionistico e che presumibilmente vedrà poggiare la sua prima pietra a settembre. Quello che è emerso dalla cena di venerdì è che l’originale tempistica per l’inizio dei lavori, pronosticata da Bosco un paio di mesi fa, dovrebbe essere rispettata.

Un po’ più ambizioso – ma non impossibile – rispettare invece un altro buon auspicio di Ricci, che ha espresso il desiderio di vedere la Vis Pesaro in Serie B entro la fine del suo mandato. C’è tempo fino al 2024.

Sognando un futuro in grande, la Vis ha però bisogno di ridimensionare quanto basta il presente. L’ad Feroce ha ribadito che, per quanto riguarda gli ingaggi dei giocatori della prima squadra, “non rivedremo più le cifre della passata stagione”. Nell’attesa di poterli “coltivare” al meglio nel nuovo centro sportivo, potrebbe essere la volta buona per puntare anche su alcuni giovani promettenti del vivaio vissino.

La Primavera è reduce da un ottimo campionato e un certo Blue Mamona rientrerà a breve dal prestito alla Vastese. Con Cangini (ex Responsabile del settore giovanile) come ds, perché no. “Abbiamo voglia di ripartire e di ristrutturarci in un certo modo”, ha concluso Bosco. A breve la società scoprirà le sue prime carte in vista del 2021/22.

1 COMMENTO

  1. Col mister che ha scelto sicuramente la Vis Pesaro non potra’ mai salire. Spero per voi di sbagliarmi, ma a Como l’abbiamo cacciato via e siamo saliti….

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome