Vis Pesaro Femminile, la Serie C non è lontana. Progetti importanti in vista

0
Serie C femminile open day
Vis Pesaro femminile

La stagione 2020/2021 potrebbe essere quella del primo approdo in un campionato nazionale. Più precisamente la Serie C, la categoria che accoglie le vincenti dei vari campionati d’Eccellenza e prepara alla cadetteria. Il futuro sportivo della Vis Pesaro femminile, attualmente al terzo posto nel massimo campionato marchigiano, si deciderà a tavolino. Tramite criteri e decisioni di marca LND.

“LA VIS DOVREBBE AVER CENTRATO IL SALTO DI CATEGORIA”

Un dato: le biancorosse attualmente sono al terzo posto (10 pt) nel torneo, a -1 dalla Sambenedettese (11 pt) e a -3 dalla Vis Civitanova (13 pt), entrambe con 5 gare disputate a fronte delle 4 delle Ceccarani girls. Una classifica conto del rapporto tra punti e gare disputate non è ipotesi remota e il tm Alberto Cavoli lo sa: “La Vis Pesaro femminile dovrebbe aver centrato i tre obiettivi stagionali, a partire dal salto di categoria – racconta –  Addirittura l’anno scorso avremmo potuto beneficiare del ripescaggio, ma questo ce l’avevamo detto a pochi giorni dalla chiusura delle iscrizioni e perciò avevamo rifiutato. Se però già da adesso ci danno l’ok, noi ci attrezziamo. Anche perché molte società potranno abbandonare la categoria…”.

Costi, oneri e visibilità sono la cifra della terza serie nazionale: “E’ un torneo dal costo di circa 50 mila euro. Inoltre sarà necessario costituire la Primavera, equivalente all’Under 17. Per questa si prospetterà un campionato a dir poco importante“.

IN CAMPO UN PROGETTO AMBIZIOSO PER IL FUTURO IN ROSA

Non solo Serie C, ma anche un progetto a largo raggio. Che vada di pari passo con la prima squadra maschile. Cavoli a questo proposito si sbilancia e non poco: “L’idea è di salire in C per poi tentare lo scatto per la B, anche se con la giusta calma: col denaro investito in seconda serie si può pensare di approdare in cadetteria“. In questo senso sarà importante contare su un settore giovanile che ha da poco raggiunto le 100 unità: “Un secondo obiettivo raggiunto“, svela. Il terzo? “La florida attività nelle scuole. Ora sono le scuole pesaresi a chiamarci. Non è un caso che questo sia inquadrabile in un forte ruolo sociale“. E c’è una formazione di calcio a 5 a tinte biancorosse pronta a crescere…

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome