Sei risultati utili consecutivi e la zona playoff: il ritratto della Virtus Verona

0
Virtus Verona
Virtus Verona-Vis Pesaro 0-0 (crediti: Virtus Verona)

Due squadre accomunate da un obiettivo: salvarsi. Eppure tra Vis Pesaro e Virtus Verona la classifica racconta di 13 punti di distanza (rispettivamente 23 e 36). Tanti, ma giustificati da una continuità di risultati che la squadra di Borgo Venezia è riuscita a trovare nel tempo. E che dal 9 gennaio ha fruttato qualcosa come 14 punti in 6 gare. Merito anche di Luigi “Gigi” Fresco, allenatore-presidente-factotum dal 1982 alla guida dei veneti (sì, avete letto bene) e ora alla guida di un organico in piena zona playoff.  “L’obiettivo è continuare a fare punti per arrivare il prima possibile a quota 40 – ha affermato il Ferguson scaligero nella conferenza stampa pre-partita – Non siamo lontanissimi, è vero, ma è altrettanto vero che nessuno può pensare di abbassare la guardia. Il nostro si sta confermando ancora una volta il girone più difficile, ogni partita fa storia a sé. Basta dare uno sguardo ai risultati che vengono fuori per averne la conferma”. Tradotto: la classifica per ora ci premia, ma i biancorossi meritano la massima attenzione.

I rossoblù si presenteranno al “Benelli” senza Manfrin, Amadio, Bentivoglio, Pinto e De Marchi. Se per il primo rappresenta un’assenza di peso (“Nei venticinque minuti in cui è stato in campo domenica contro l’Arezzo aveva contribuito a far cambiare marcia a tutta la squadra”, le parole di Fresco), l’ex Chievo tornerà a disposizione per mercoledì prossimo, quando i veneti affronteranno il Ravenna di Colucci. Curiosità: tra le fila dei veneti c’è Paloka, nella scorsa stagione tra i punti fermi della Berretti vissina.

 

LE PAROLE DI MISTER DI DONATO PRE-VIRTUS VERONA

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome