Cosa c’è da sapere sul Piacenza di Arnaldo Franzini

0
Piacenza
Arnaldo Franzini (crediti: Sport Piacenza)

L’avversario più scomodo tra le compagini che popolano i pani nobili della classifica. Almeno per ora. Sì, perché al netto dei 17 punti maturati il Piacenza è squadra a dir poco temibile: ne sa qualcosa il Vicenza, sconfitto per 2-1 cinque giorni fa. Un risultato figlio delle reti (tutte nella ripresa) di Pergreffi e Della Latta, a suggello di una rimonta per nulla scontata. E a cui non ha preso parte quel Paponi (ex Juve Stabia) che con 8 reti guida la classifica marcatori del girone B. In riva al Po l’obiettivo è chiaro: Serie B. La seconda serie i rossobianchi l’hanno sfiorata un pugno di mesi fa, ma la sconfitta in quel di Siena e la contemporanea vittoria della Virtus Entella sulla Carrarese hanno spento all’ultima giornata i sogni di gloria dei Franzini boys. E se la vittoria in semifinale playoff nel doppio scontro con l’Imolese aveva riacceso una qualche speranza, il 2-0 patito tra andata e ritorno contro il Trapani ha definitivamente mandato in archivio le ambizioni stagionali di promozione in seconda serie. Tra i superstiti di quell’annata figurano il difensore centrale Pergreffi, il mediano Marotta, i centrali di centrocampo Della LattaNicco, il trequartista Corradi, l’ala destra Sestu e la punta Sylla. Tanti invece gli innesti, a partire proprio dal sopra citato Paponi. Ma anche il portiere Del Favero (Juventus), il difensore centrale Milesi (Pro Vercelli), il terzino sinistro Imperiale (Empoli), il mediano Bolis (Atalanta), il centrocampista centrale Giandonato (Fermana), il trequartista Cattaneo (Novara) e l’attaccante Cacia (Novara). Tradotto: innesti importanti e mirati. Di contro il mercato estivo ha registrato le partenze dei vari Fumagalli (Foggia), Di Molfetta (Catania), Corazza (Reggina), Bertoncini e Terrani (Bari).

FRANZINI ANCORA SULLA PANCHINA EMILIANA

Sul fronte allenatore, confermato il tecnico Arnaldo Franzini, piacentino di Vernasca. Classe 1958, guida gli emiliani dalla stagione 2015/2016: sulla panchina dei rossobianchi ha disputato 158 partite, ottenendo una promozione in Lega Pro e tre qualificazioni ai playoff.

5 LE LUNGHEZZE DAL PADOVA CAPOLISTA

Per il Piacenza un campionato fin qui in linea con le aspettative, al netto del -5 dal Padova capolista. Nel computo dei risultati, 5 vittorie (Modena, Triestina, Ravenna, Carpi, LR Vicenza), 2 pareggi (Arzignano, Cesena) e 2 sconfitte (Fermana, Sambenedettese).

 

Stadio “Tonino Benelli”, ore 17:30

PIACENZA (3-5-2): Bertozzi; Pergreffi, Milesi, Della Latta; Imperiale, Marotta, Corradi, Bolis, El Kaouakibi; Cacia (Paponi), Sestu. All. Franzini

Arbitro: Feliciani di Teramo (Valletta-Dentico)

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome