Serie C, tre scenari per concludere la stagione: la posizione della Lega Pro

0
Vis Pesaro-Cesena Serie C
I tifosi nel settore ospiti di Cesena. L'andata finì 1-2 per i biancorossi (crediti ? Vis Pesaro 1898)

Tre soluzioni sul piatto per concludere il campionato. Con diverse tempistiche e modalità. Così oggi la Lega Pro ha chiarito quelli che potrebbero essere gli scenari per portare a termine la stagione sportiva in corso. Il tutto chiaramente subordinato agli sviluppi dell’emergenza sanitaria Covid-19. La prima possibilità è una conclusione a “porte aperte”, con la disputa di playoff e playout in presenza di pubblico. Inevitabile poi un’eventualità a “porte chiuse”, che taglierebbe fuori dagli stadi i tifosi delle 60 squadre dei tre gironi. Infine l’opzione “stop campionato”: termine anticipato dei tornei e ripresa a porta chiuse nei primi due mesi della prossima stagione.

Il ventaglio di possibilità è contenuto nello studio sull’impatto potenziale del Coronavirus sulla Serie C, condotto da PwC TLS per conto della Lega Pro e presentato alla FIGC, che stima perdite variabili da 20 a 84 milioni di euro. Tradotto: fatturato medio delle squadre contratto del 30%. A margine dello studio ecco le parole del presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli: “La stagione delle riforme per il mondo del calcio  è irrinunciabile. Il Governo e il Ministro Spadafora riconoscono che il calcio è parte integrante del sistema produttivo nazionale. L’ecosistema del calcio della serie C ha bisogno di benzina per funzionare ma vuole anche proporre soluzioni per la ripresa economica, sociale ed occupazionale del Paese”.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome