Serie C: tra scioperi, Bisceglie e Vicenza 2 (con un Cissè in più) continua la pazza estate del calcio italiano

0

Venti agosto. Sei giorni a quello che sarebbe stato l’inizio ufficiale di una Serie C scoppiettante, con piazze ambiziose e realtà al primo approccio al professionismo. Nubi nerissime continuano ad aleggiare e nessun squarcio di sereno si profila all’orizzonte. Tra non-ripescaggi, situazioni di forte instabilità e fallimento del progetto delle squadre B i campionati sotto la giurisdizione di Gabriele Gravina rischiano davvero il collasso. Competizioni giovanili incluse. Ecco alcune pillole di una situazione tremendamente ingarbugliata.

 

RIUNIONI, ABBOCCAMENTI E SCIOPERI ANNUNCIATI

Nella giornata di oggi, attraverso una nota ufficiale, la Lega Pro ha comunicato per domani la convocazione nella sua sede romana del Direttivo e dell’Assemblea delle Società di terza serie. Oggetto della discussione: un eventuale quanto possibile sciopero della Serie C “in assenza di certezze economico-finanziarie e per la precarietà della governance del calcio italiano”. Sciopero che, secondo indiscrezioni del pomeriggio, non ci sarà per la Serie B. In ogni caso, occhi puntati al 7 settembre, quando il Collegio di Garanzia del CONI sarà chiamato a pronunciarsi su eventuali ripescaggi in Serie B: solo a organico di cadetteria ben definito (19, 22 o 25 squadre?) la C potrà conoscere squadre e calendari in via definitiva. E a quel punto l’inizio del campionato slitterà al 15 settembre. Conseguenza tangibile: almeno tre turni infrasettimanali attenderanno il popolo biancorosso.

 

ANCHE IL BISCEGLIE SULL’ORLO DEL COLLASSO

Saltata la cessione del club all’imprenditore Francesco Rossiello per conclamate divergenze con gli attuali quadri societari, il numero 1 Nicola Canonico cerca un nuovo acquirente. Alla finestra una cordata formata tra gli altri da Vincenzo Todaro e Giovanni Audiello. La squadra è praticamente decimata, peraltro imbottita da ragazzini. Dovesse andare in porto la cessione del club, si ripartirebbe quasi da zero (a livello di organico). Tutto questo al 20 agosto. Incredibile.

 

CAOS CALMO A VICENZA

C’è un secondo Vicenza che punta al ripescaggio in Serie C. La coppia di imprenditori francesi Desjardins-Payan, sul punto di rilevare la società poi finita nelle mani di Renzo Rosso, ha ufficializzato l’ex Liverpool e Marsiglia Djibril Cissè come colpo da novanta del neonato AC Vicenza 1902. Una squadra per ora imbottita di giovani che si allena nella vicentina Valdagno. E se dovesse andare in porto l’acquisizione effettiva del titolo sportivo del Vicenza Calcio, allora ecco possibili grandi sponsor. Uno su tutti: Puma. Staremo a vedere.

 

 

Riccardo Spendolini

per SoloVisPesaro

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome