Serie C, tutte le squadre in difficoltà per la stagione prossima a partire: quale campionato per la Vis Pesaro?

0

A una settimana al via dalle prime competizioni ufficiali, situazione decisamente complicata in Serie C, con un pugno di squadre già iscritte e non che rischiano la non partecipazione al prossimo campionato o che per vicissitudini varie non prenderanno parte al primo turno di Coppa Italia di categoria. Vediamo le principali situazioni di criticità:

  • MATERA. I lucani si trovano di fronte a un passaggio di proprietà dalle tinte fosche, con la Guardia di Finanza che qualche giorno fa si è presentata nella sede della società LPS, già finita nel mirino della Procura di Avellino per un’ipotesi di reato di fatturazioni false ai danni dell’Avellino, ora firmataria del contratto preliminare di acquisto dei biancazzurri dalle mani di Columella. Il ritiro in ogni caso inizierà domenica 5 agosto, data dell’inizio del triangolare di coppa che li vedrà coinvolti assieme al Bisceglie e al Potenza. Per questo l’ipotesi più probabile sarebbe quella di chiedere l’esclusione dal torneo, attendendo così il completamente della rosa in vista dell’inizio del campionato.
  • BISCEGLIE. Accantonata l’idea di mettere a disposizione della città di Bari il titolo sportivo in C del Bisceglie, il presidente dei pugliesi Nicola Canonico ha deciso di mettere in vendita il club. Il 30 luglio alle ore 15 è fissato il termine ultimo di presentazione da parte di terzi della richiesta di rilevare (a titolo gratuito) la società. Al 27 luglio ancora però nulla si è mosso. Nuvoloni neri si stagliano in casa neroblu.
  • PRATO. Situazione stadio Lungobisenzio per niente facile quella che si prospetta per i toscani, con l’impianto restituito al Comune di Prato. La Lega Pro sarebbe intenzionata a bocciare la richiesta di ripescaggio qualora la cessione del club della famiglia Toccafondi all’imprenditore canadese Joseph Romano prevista per il 3 luglio non fosse effettiva. Niente stadio, niente Serie C.
  • COMO. Paradossale ciò che è successo negli ultimi giorni in riva al Lago di Como: la società, non riuscendo ad ottemperare alla consegna di una fideiussione presso la sede fiorentina della Lega Pro, avrebbe consegnato garanzie economiche equivalenti per un valore di 650mila euro. Una questione formale non di poca rilevanza che comunque dovrebbe essere risolta lunedì, quando verrà consegnata la vera fideiussione.

 

Redazione SoloVisPesaro

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome