Tre partite per capire chi siamo

0

Colucci tempo fa disse che per capire realmente l’importanza ed il valore della squadra bisognava aspettare 7-8 partite. Già cinque sono state giocate, con buone prestazioni sia a livello di singoli che di gruppo che appare sempre più amalgamato. Ora arrivano tre sfide in una settimana, tutte di spessore che diranno cosa potrà fare la Vis Pesaro questa stagione ai fini della classifica.

Domenica si va a Meda ad affrontare il Renate, squadra giovane che non raggiunge nemmeno i 24 anni in media. Nero blu costruiti per la salvezza, con schieramento molto quadrato e sulla difensiva, pronti a colpire in contropiede come successo nella loro ultima sfida pareggiata a Terni, dove hanno rischiato anche la vittoria con il portiere umbro inserito nella top 11 del girone. Allenatore Oscar Brevi, certezza a livello di esperienza per la categoria, scelto in estate dopo la permanenza in Serie C ottenuta con l’Alma Juventus Fano. Potrebbe prendere l’incontro con la Vis Pesaro come un derby visti i  sette mesi vissuti in terra marchigiana, sponda granata.

La squadra biancorossa rientrerà nella serata di domenica sera e non ci sarà tempo di parlare visto che mercoledì 17 arriva alle 18.30 la corazzata Pordenone. Attualmente prima in classifica, ancora imbattuta in cinque incontri giocati, così come Imolese e L.R. Vicenza. L’ex di turno sarà il mister pesarese Colucci. Ora sulla panchina della squadra friulana il grande Attilio Tesser.

Domenica 21 poi si va nello storico Atleti Azzurri d’Italia, stadio dell’Atalanta. Vedremo come la Vis Pesaro arriverà a questa importante trasferta contro l’Albinoleffe, quella che terminerà il periodo trittico di queste tre sfide ravvicinate.

Tre partite che diranno tanto. Chi siamo ora e chi possiamo essere in futuro.

Nicholas Masetti

per SoloVisPesaro.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome