Vis-Gubbio, Galderisi: “Abbiamo faticato, ma sono soddisfatto dei 3 punti”

0
galderisi
Il tecnico della Vis Pesaro, Giuseppe Galderisi (foto: Vis Pesaro 1898)

Tre punti sudati, arrancati, bramati. Bellissimi. Ma anche fortunati. Bisogna dirlo e lo ammettono anche i due protagonisti della Vis Pesaro accorsi ai microfoni della società – come al solito ‘prestati’ alle domande dei giornalisti – nel post gara del Benelli. Lo fa intendere tra le righe mister Galderisi, lo dice chiaro e tondo l’uomo della partita, Federico Giraudo. Fortunata o no, è una vittoria da tenersi ben stretta. Contro un Gubbio mai domo, arrabbiato, ancora alla ricerca del primo successo stagionale. Per la Vis Pesaro sono due, quasi tre settimane dopo il 2-1 al Matelica.

“Sono soddisfatto dei 3 punti, come ero soddisfatto delle prestazioni in altre partite dove non abbiamo raccolto niente – dice Galderisi nel post-partita -. Questo è un campionato difficile: dobbiamo cercare di portare a casa punti in questo momento. Abbiamo commesso tanti errori nel palleggio, ho visto una squadra preoccupata. Ma fa parte del campionato e delle difficoltà che comporta. Ho visto delle cose buone, intanto non abbiamo preso gol, poi abbiamo vinto una partita difficile da portare a casa. Ho ben chiara la situazione”.

È stata una Vis Pesaro “brutta e sporca”, come la partita che la aspettava: “Forse eravamo troppo lunghi in alcuni momenti, ma tutto sommato queste sono le partite che ti mettono in pace con te stesso. Dopo aver giocato bene in tanti campi, oggi la praticità e la concretezza sono risultate fondamentali. Si tratta di 3 punti importanti – continua Galderisi -. Questo è un campionato molto difficile, i valori sono equilibrati e si va a momenti. Dopo due grandi prestazioni oggi non siamo riusciti a esprimerci al meglio. Abbiamo faticato, ma sono più contento stasera che dopo le partite contro Triestina e Perugia. Qui c’è gente che ha fame, che vuole lottare: la gara di stasera mi ha dato le risposte giuste. E anche i cambi hanno dato una scossa importante“.

Con l’ingresso in campo di forze fresche è mutato anche il modulo. Dal più coperto 3-5-2 al più agguerrito 3-4-2-1. Alla fine ha fatto la differenza: “La squadra aveva bisogno di energia, di punti di riferimento. Possiamo giocare sia con le 3 punte che con i 3 centrocampisti, ci lavoriamo in continuazione. Oggi i centrali di centrocampo sono stati bravi a dialogare bene dopo le sostituzioni, gli esterni hanno accorciato bene. Non avevo la sensazione che il modulo potesse cambiare quello che stava succedendo, però la pressione in avanti ci aiuta, siamo impostati per giocare così”.

Tra i nuovi entrati, menzione speciale per Orazio Pannitteri. Decisivo con un assist – seppur sporcato da una deviazione – al suo esordio stagionale: “È entrato col piglio giusto, e intanto sono contento perché abbiamo fatto gol da esterno a esterno. Ha delle qualità fisiche e tecniche importanti. È un ragazzo che ha sofferto molto a inizio stagione, e vederlo entrare con questa cattiveria e determinazione è importante per un allenatore. Ha dato dimostrazione di esserci, e di avere qualità”.

Mentre Galderisi parla, gli fa eco il deserto di un Benelli nuovamente vuoto. Desolante. “Così è difficile – ammette il mister -. Mi auguro che continueremo a giocare e vorrei andare avanti, ma ci rendiamo tutti conto che l’atmosfera senza pubblico è completamente diversa. Già contro la Triestina si respirava un’altra aria”, conclude.

LE PAROLE DI GIRAUDO

Eccolo qui, l’hombre del partido. Anche Federico Giraudo ha commentato la vittoria contro il Gubbio, raggiunta con un suo gol decisivo: “Oggi era necessario vincere. Venivamo da due partite in cui avevamo giocato bene, senza però raccogliere niente. Devo dire che siamo stati bravi, e fortunati. Nel primo tempo non si è vista un’ottima Vis, eravamo un po’ molli, poco cattivi sulle seconde palle. Nella ripresa siamo entrati meglio e la partita si è aperta con tante occasioni da entrambe le parti. Poi è bellissimo aver segnato, Pannitteri ha fatto un grande assist”.

SUL GRUPPO“Io sono qui da poche settimane e devo dire che sono stato accolto benissimo. È un bellissimo gruppo, fatto di ragazzi seri, alla lunga usciranno i nostri valori e faremo bene”.

IL GOL“Questo gol rappresenta un punto di partenza di una stagione che deve essere importante sia a livello personale che di squadra. Sono contento perché è stata la rete della vittoria, e per me iniziare con un gol è buono. Spero di farne altri”.

IL SUO RUOLO“Mi piace il gioco di Galderisi, perché è incentrato molto su noi quinti di centrocampo. Mi trovo benissimo nel ruolo di esterno sinistro, questo mix tra attaccare e difendere si adatta bene alle mie caratteristiche. Posso e voglio fare ancora meglio quando entrerò di più in condizione”.

LA FERALPISALÒ“Poter lavorare tutta la settimana è importante, anche per poter studiare meglio alcuni dettagli. Dobbiamo andare a Salò e giocare alla morte, in questa categoria si può vincere contro tutti e ogni punto sarà fondamentale”.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome