Vis Pesaro, 4-0 alla “squadra B”: due gol di Marchi. Tessiore già al Benelli

0
vis pesaro
Annullata la partitella di allenamento tra Vis Pesaro A e B.

Se son rose, fioriranno. Nel dubbio la Vis Pesaro ha deciso di presentarsi in total red – maglietta e pantaloncini rossi – alla sua prima partita stagionale, che non si sa mai. Anche se sarebbe meglio dire partitella, in effetti. Due tempi da poco più di 20 minuti contro laVis Pesaro B”, una quasi-Primavera. Che nel suo undici, oltre a diversi ragazzi provenienti dal gruppo di Sandreani (tutti con tampone negativo), vantava anche qualche riserva dei big. Comunque, i giovani della Berretti non erano gli unici volti inconsueti presenti al campo. Perché prima dell’allenamento congiunto, con partitella finale, Andrea Tessiore si è mostrato per un saluto ai suoi nuovi/vecchi compagni.

L’avevamo anticipato stamattina, si tratta di un ritorno. Il secondo. Tessiore giocherà per il terzo anno consecutivo con la maglia della Vis Pesaro. Sempre in prestito dalla Sampdoria, dalla quale all’inizio della prossima settimana potrebbero raggiungerlo Farabegoli e Benedetti. Il ds Crespini ci sta lavorando: anche per loro non sarebbe la prima volta al Benelli. Per ora si attende solo l’ufficialità dell’arrivo in prestito di Tessiore.

NUOVI ACQUISTI, VECCHI ASSENTI

A dire il vero, un Benedetti la Vis ce l’ha già. Federico, attaccante classe 2001 aggregatosi ufficialmente al gruppo nella giornata di ieri. Tampone e poi allenamento, alla ricerca della forma migliore: non essendo ancora al top, infatti, Benedetti ha visto la partita di oggi da bordo campo. Per lui solo lavoro differenziato, in buona compagnia. Perché al fianco dell’ex Trestina si è allenato per la primissima volta al Benelli Kevin Cannavò. Centravanti di proprietà dell’Empoli, siciliano ex Palermo, 20 anni. Prima di poter iniziare la preparazione con il resto dei compagni dovrà effettuare il tampone per il coronavirus, ci vorrà ancora qualche giorno di pazienza.

A inizio allenamento, comunque, la squadra si è riunita in cerchio come già più volte è successo in questo precampionato. Le parole del mister hanno anticipato gli esercizi con la palla per i 20 giocatori – più i due portieri, Puggioni e Bianchini, impegnati nei lanci lunghi – che sarebbero scesi in campo. Dieci minuti per sciogliere le gambe ai quali ha partecipato anche Davide Voltan, prima di disertare il match per sostenere qualche scatto individuale a cui è seguito il suo rientro negli spogliatoi. Difficile, ad oggi, credere che il numero 8 possa fare parte del progetto tecnico 2020/21. Oltre a Pannitteri (ancora in Sicilia), sono rimasti out dalla seduta anche Lazzari e Gaudenzi. Entrambi non al meglio.

LA PARTITA: VIS PESARO A-VIS PESARO B 4-0

E si arriva al succo della giornata, Vis Pesaro A contro Vis Pesaro B. I primi in completo tutto rosso, come anticipato, i secondi in casacca bianca e pantaloncini rossi. Aspettando la presentazione delle maglie ufficiali per la prossima stagione, i vissini potranno sfoggiare solo la tenuta d’allenamento. Queste le formazioni del primo tempo.

Vis A: Puggioni; Gennari, Lelj, Stramaccioni; Pezzi, Ejjaki, Gelonese, Nava; De Feo, Marcheggiani, Marchi.

Vis B: Bianchini; Fabbri, Adorni, Ceccacci, Ciccone; Blue Mamona, Pierpaoli, Galeazzi, Ciaroni; Morani, Faraghini (arrivato da poco dalla Nestor).

Le scelte di modulo per la squadra A confermano le intenzioni di Galderisi, anticipate qualche settimana fa. L’undici, infatti, si è interscambiato spesso tra 3-4-3 (con De Feo largo a destra e Marchi a sinistra) e 3-4-1-2 (De Feo trequartista dietro le due punte Marchi e Marcheggiani). Un atteggiamento mutevole che ben si sposa con le caratteristiche di Marchi, attaccante completo in grado di giocare più defilato in caso di necessità. L’emergenza sugli esterni – si attende ancora l’arrivo del titolare sulla sinistra – ha costretto Galderisi a schierare Pezzi sulla fascia destra, con Nava adattato sulla corsia mancina. Vuoi le gambe un po’ appesantite, vuoi il feeling che per forza di cose non può essere ancora quello voluto, i primi 20 minuti terminano 0-0. Da segnalare comunque una veronica di Marchi, in formissima, e un pallonetto fuori misura di Marcheggiani.

Nella ripresa Galderisi cambia un po’. Stramaccioni passa alla squadra B, con Barzanti che prende il posto di Bianchini in porta. La Vis Pesaro A si presenta invece così: Puggioni; Gennari, Lelj, Pezzi; Nava, Ejjaki, Gelonese, Ciccone; De Feo, Marcheggiani Marchi. Funziona. Marchi raddoppia in rapida sequenza, ed è da una sua bella azione personale, con scarico a Blue Mamona, che nasce il 3-0. Lo sigla De Feo servito al limite dell’area dal giovane centrocampista (passato sulla fascia destra in corso d’opera al posto di Nava): un sinistro sotto l’incrocio che lascia immobile Barzanti. Il 4-0 finale porta la firma di Marcheggiani su un rigore che si era guadagnato lo stesso ex Rieti.

Una curiosità tattica. I tanti gol del secondo spezzone di partita hanno rappresentato l’occasione per provare uno schema dal calcio d’inizio, che ha battuto sempre la squadra A. In poche parole uno dei due attaccanti la passa dietro al centrale, che lancia lungo per i compagni spediti in proiezione offensiva: di fatto, gli unici a restare arretrati sono l’autore del lancio (Lelj) assieme a uno degli altri due difensori. Tutti gli altri, compreso il terzo centrale, salgono in attacco. Un approccio aggressivo sul quale mister Galderisi potrebbe continuare a lavorare in futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome