Vis Pesaro, al via la prova del nove

0

Salvarsi, questo è l’obiettivo. Sono cinque i punti di vantaggio della Vis Pesaro dai playout. Mancano nove gare alla fine del campionato per la banda di mister Colucci. Un test di controllo, ma non infallibile. Da risolvere il prima possibile.

Come primo Monza, Sudtirol, Fermana e Ravenna a marzo. Da secondo Feralpisalò, Fano, Teramo e Rimini per aprile. Questo è il menù delle gare rimanenti per la Vis Pesaro nel girone B di Serie C. A chiudere, come dolce, ci sarà la sola gara di maggio contro la Giana Erminio, magari per mettere come si suol dire “la ciliegina sulla torta”.

La squadra sotto il settore ospiti a Rimini Crediti: Vis Pesaro 1898

Ma andiamo per ordine. Il Monza di Cristian Brocchi è il primo avversario di questo percorso. I lombardi non scherzano: presidenza Galliani-Berlusconi, quasi due milioni spesi nel mercato di gennaio. Nelle 10 partite giocate del girone di ritorno, una sola gara persa con la Triestina ma dominio assoluto in casa vincendo tutti e cinque i match giocati. Con 46 punti in classifica, il Monza punta al secondo posto e contro la Vis Pesaro i punti per i brianzoli varranno doppio visto che si giocherà anche lo scontro diretto al vertice tra Triestina e Pordenone.

Domenica 17 arriva la Sudtirol. Il numero della data non è di certo un portafortuna, ma la vittoria all’andata porta buone speranze. La squadra di Bolzano però non ha ancora perso nel 2019. All’andata la decise il 9 biancorosso Diop, ora infortunatosi. Una vera e propria prova del nove. E la Vis dovrà guardare con attenzione anche al match tra Renate e Albinoleffe, via cruciale per la salvezza.

Immagini della gara d’andata Vis Pesaro-Sudtirol, decisa da un goal di Diop

Domenica 24 è tempo di derby. Ore 16.30 dal Bruno Recchioni di Fermo. All’andata fu dominio biancorosso con la Vis che raggiunse l’apice della stagione. La Fermana vorrà sicuramente rifarsi e si presenterà alla gara con due settimane di riposo visto che la partita del 17 marzo a Fano è rinviata perché lo stadio Mancini indica “lavori in corso”.

Vis Pesaro-Ravenna domenica 31 marzo alle 20.30. I biancorossi sapranno già i risultati delle dirette concorrenti per la salvezza, ovvero il doppio scontro di bassa classifica con il Fano che giocherà a Rimini e il Renate in casa contro il Teramo. Il Ravenna è tutt’altro che semplice come avversario: piena zona playoff, una squadra quadrata e ben messa in campo capace di colpire in ogni momento, vedi andata persa 1-0 dopo che la Vis dominò tutto l’incontro.

Tomei e Petrucci dopo la vittoria contro la Feralpisalò

La Feralpisalò all’andata era una squadra anonima, di metà classifica, altalenante e con poche certezze. La Feralpi di oggi invece viene da 7 vittorie consecutive e un pareggio e ha tutte le carte in regola per arrivare alla sfida contro la Vis con 12 gare da imbattuta (affronterà Virtus Verona, Sambenedettese, Fano e Giana Erminio). Obiettivo della Vis fermare la loro rincorsa al primo posto, attualmente distante 8 punti. Fano-Renate, Albinoleffe-Rimini saranno le sfide playout di domenica 7 aprile.

Il derby, Vis-Fano. Gara da poche chiacchiere e tanti fatti. Se la pratica salvezza non è chiusa si potrà parlare di un vero e proprio scontro diretto – domenica 14 aprile ore 16.30 dal Tonino Benelli – per la permanenza in C. E ci sarà anche Renate-Giana Erminio alle 20.30.

Sabato 20, vigilia di pasqua, Teramo-Vis Pesaro alle 20.30. Altro scontro salvezza. Sperando che la risurrezione della squadra biancorossa sia già compiuta e chiusa. Poi derby con il Rimini e ultima, il 5 maggio, a Gorgonzola contro la Giana Erminio. Obiettivo, arrivare a queste due ultime gare con la salvezza già conquistata.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome