Vis Pesaro, ecco dove giocano alcuni ex

0
La scritta Vis Pesaro 1898 dietro una porta di gioco

C’era una volta… la Vis in serie D. Una quarta serie fatta di giocatori sconosciuti e nomi di provincia. C’era il Tonino Benelli ancora con le reti nel settore Prato, non c’erano sponsor tecnici come Errea, si giocava Nike e sulle borse c’era Macron. C’erano giocatori che Pesaro ammirava, altri che erano di passaggio, altri che il popolo biancorosso nemmeno ricorda. Erano gli anni di Leonardi, dall’Eccellenza vinta alla paura del fallimento. E poi la C, il ritorno tra i professionisti dopo 13 anni, la partnership con la Sampdoria e un campionato di alta classifica.

I tifosi della Vis Pesaro l’anno scorso a San Marino (foto SportPeople)

 

Partiamo da un numero 1. Ben cinque stagioni a Pesaro. La faccia l’ha sempre messa, oltre che i guanti. Alex Foiera, classe ’85, portiere di parte del percorso, professionale e ben voluto. Ora gioca in Eccellenza romagnola, al Diegaro da due stagioni. Se di mestiere para rigori, è anche in grado di segnare goal di testa come accaduto lo scorso anno.

In difesa c’erano i gemelli Dominici, pesaresi doc, Eugenio e Giovanni. Il primo gioca in prima categoria nella provincia, il secondo invece è alla Marignanese, eccellenza romagnola in compagnia di ex Vis Pesaro come Pensalfine e Fabbri più altri giovani biancorossi. Due dei trascinatori dell’anno scorso a livello difensivo sono stati Luca Cacioli e Alessandro Radi. Cacioli sta collezionando 15 presenze a Bari, serie D girone I, la miglior difesa di tutto il calcio italiano con solo 7 reti subite. A difendere i pali del gallo pugliese è proprio l’ex portiere della Vis Davide Marfella, protagonista anche nell’ultima giornata giocata con un rigore parato. Radi invece dopo quasi 300 presenze in C e la vittoria della serie D della scorsa stagione con la maglia della sua città, ha deciso di giocare a Castelfidardo.


Gianluca Bugaro gioca a Matelica, Alberto Torelli a Giulanova, Giacomo Ridolfi dopo la preparazione estiva in biancorosso ora milita nella Maceratese in promozione. Per il primo un campionato di vertice con 15 presenze, lottando per la promozione in serie C con il Cesena. Il secondo invece è ripartito dall’Abruzzo dopo alcune stagioni in terza serie indossando le maglie di Santarcangelo, Siena, Carrarese e Fano. Il fratello, Giorgio Torelli, si trova invece in Australia, dove gioca nelle categorie inferiori alla A-League. “Rido” invece dopo tanti problemi fisici e personali ha deciso di ripartire da categorie più basse per rilanciarsi di nuovo, magari ancora più forte. Alessandro Rossi, “Il Pibe”, ora indossa la maglia dell’Atletico Gallo, eccellenza marchigiana. Tante qualità tecniche per il classe ’89 che spera in un ritorno in serie D.

Rocco Costantino e Lollo Paoli (foto Filippo Baioni)

Due stagioni a Pesaro per Nicola Falomi. Tra 2015 e 2017 ha indossato la maglia biancorossa per 55 volte siglando 22 goal. Ora gioca a Santarcangelo, Serie D girone F e la sua squadra non vince da metà ottobre. E poi, il ricordo del numero 9, Rocco Costantino. A Pesaro 3 stagioni, una media di un goal (32) ogni due partite giocate (64). Lascerà la Sudtirol da idolo, il Teramo sembra pronto a chiudere l’affare, possibile in questi primi giorni di mercato.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome