Vis Pesaro: “Grazie a Ferrero, puntiamo tutto sul settore giovanile”

0
Conferenza stampa di presentazione Vis Pesaro 2019/2020

Dopo un mese di silenzi, lavoro, rinvii e voci la Vis Pesaro ha parlato sul proprio futuro. E lo ha fatto con il suo stato maggiore al gran completo. In una conferenza stampa, durata oltre un’ora, dove erano presenti il presidente Marco Ferri, l’amministratore Guerrino Amadori, il dg Vlado Borozan e il diesse Claudio Crespini. Tanti i temi toccati, a cominciare dalla partnership con la Sampdoria e da un retroscena raccontato dal direttore generale. Spazio anche alla parte tecnica, con la scelta dell’allenatore e l’ufficialità di un rinnovo davvero pesante.

Marco Ferri, presidente della Vis Pesaro

<Voglio ringraziare Massimo Ferrero -esordisce Ferri- perché senza di lui probabilmente non saremmo qui oggi a parlare del secondo anno tra i professionisti. A dicembre la collaborazione sarebbe dovuta saltare, dopo quello che è successo (caso Bizzocchi ndr). Vlado era stato bravo a ricucire, e noi eravamo convinti di aver superato la questione. A maggio però, ci è arrivata una lettera, dove c’era scritto che il nostro rapporto sarebbe finito al termine della stagione appena conclusa. Siamo riusciti a ricucire nuovamente il rapporto, e per questo voglio ancora una volta ringraziare Massimo. Suo figlio (di Ferrero ndr) sarà tesserato a giorni, con il ruolo di talent scout per il settore giovanile>.

Vlado Borozan, direttore generale Vis Pesaro

<<LA SERIETà DIMOSTRATA è STATA LA CHIAVE PER CONVINCERE LA SAMPDORIA A CREDERE ANCORA IN NOI>>

Così il dg biancorosso. Parole che suonano come un sospiro di sollievo dopo un mese di trattative serrate per continuare nella strada del professionismo. Ma c’è di più, come rivela proprio Borozan: <Voglio ringraziare Italo Calvarese e Fabrizio Mocavini, oltre a tutti gli altri dirigenti della Samp. Perché hanno contribuito in maniera fondamentale alla continuità del progetto. A volte anche offrire un caffè, o accogliere qualcuno e farlo sentire come a casa, può essere fondamentale>.

Poi spazio a quella che sarà la mission aziendale, in linea con la direzione in cui sta andando il calcio italiano: <Avevamo due strade –continua Borozan– o investire capitali senza un guadagno, o affidarci alla Sampdoria per creare un’importante accademy internazionale. Sia per le giovanili, che per il calcio femminile. Per fare ciò servono investimenti sulle infrastrutture, come quelli previsti per Villa Fastiggi. E un eventuale ristrutturazione dello stadio nel futuro prossimo. I risultati sportivi saranno una conseguenza. Non ci dobbiamo illudere, la Vis può contare soltanto sul settore giovanile per crescere nel tempo. Ci saranno tanti cambiamenti, con nuove figure professionali. La prima squadra avrà come obbligo la difesa della categoria, in un campionato che è diventato una B2>.

Claudio Crespini, diesse Vis Pesaro

E sul discorso tecnico, che non può che prescindere dal nome dell’allenatore, è intervenuto il diesse. Dando anche la notizia del rinnovo di Flavio Lazzari, che verrà ufficializzato domani.

<Fino ad ora –dichiara Crespini– abbiamo pensato a salvaguardare il progetto tecnico. Avremo le stesse risorse, o qualcosa in meno, dell’anno scorso. Ma abbiamo il vantaggio che per questa stagione sceglieremo i 6 giocatori dalla Samp da una lista di 50/60 nomi. Anche confermando qualcuno da quest’anno. La riforma di Ghirelli soddisfa i club che spendono 10 milioni all’anno, noi pensiamo a fare una squadra di 22 calciatori più 4 che provengono dalla Beretti. Chiaramente ci saranno circa 8 nomi di spessore, compreso quello di Lazzari che domani rinnova. Pesaro, come altre realtà, può soltanto investire sui giovani per far bene in un campionato più che complicato. Il mister? Lo ufficializzeremo tra lunedì e martedì, anche questo un nome concordato con la Samp. Non abbiamo ancora deciso>. Chiudendo, tra le righe, le porte ad un eventuale Colucci-bis.

Guerrino Amadori, amministratore unico Vis Pesaro

<Sedendo in consiglio comunale –dichiara Amadori– porterò nell’amministrazione la voce della Vis Pesaro, con affetto e voglia. Parlando di conti, domani sistemeremo le pendenze previste dalla federazione e sempre domani partirà l’assegno per l’iscrizione al campionato. Dovrebbe essere ufficiale al massimo lunedì. Il mio cuore batte forte per la Vis, ci saranno le giuste attenzioni per far si che i progetti messi in campo andranno in porto. Ricarichiamo l’entusiasmo e ripartiamo pensando alla campagna abbonamenti>.

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome