Vis Pesaro, Gubbio sfida decisiva. Con Bosco sei al sicuro

0
Mauro Bosco e il Sindaco di Pesaro, Matteo Ricci.

Settimana decisiva per il prossimo futuro della Vis Pesaro 1898. Una sfida che arriva dopo la sconfitta di misura a Perugia, e che metterà di fronte la guida tecnica al suo più recente passato. Sono 5 i punti raccolti in 7 giornate, 4 sconfitte (Modena, Ravenna, Triestina e Perugia), 2 pareggi (Legnago e Virtus Verona) e 1 vittoria (Matelica). Risultati ben diversi da quelli auspicati alla lettura dei calendari. Dopo un’estate dove si parlava di “sogni” e “playoff“. Questo rendimento altalenante, unito allo scossone Puggioni, ha portato la società a decidere di trincerarsi in silenzio stampa fino a sabato. Non prima di aver messo i puntini sulle i, con le ultime parole alla stampa arrivare direttamene dal presidente Mauro Bosco.

Bosco, nell’edizione cartacea de “il Resto del Carlino” di ieri, ha parlato chiaramente: “Questa è una squadra che ha del potenziale, che non ha ancora espresso. Contro il Gubbio si deve vincere“. Fine. 

Vincere, perché non farlo allungherebbe già una classifica ancora troppo precoce per essere seriamente presa in considerazione. Classifica che però è un indicatore da non sottovalutare. Tabellone che vede un Gubbio a 3 punti, affamato della prima vittoria stagionale. Gli umbri verranno a Pesaro a giocarsi tanto, la Vis Pesaro non si gioca tutto ma ci andiamo vicini. Perché se dalla società hanno sempre fatto sapere di “avere fiducia nello staff tecnico e dirigenziale” i risultati però devono arrivare. Vincere e convincere sarebbe il massimo, dalle parti del Benelli ci si accontenterebbe volentieri almeno dei 3 punti.

I tifosi possono stare tranquilli. Il presidente Bosco in poco più di un anno a Pesaro ha già dimostrato di essere uomo di parola. Mai il passo più lungo della gamba, mai promesse che sarebbero state poi difficili da mantenere. Il pres è stato sempre equilibrato nelle dichiarazioni, nonostante un dispendio di risorse mai visto a Pesaro negli ultimi 15 anni. E in un periodo storico non proprio facile per l’economia e il mondo del calcio. Bosco c’è e ci sarà. I lavori sul nuovo centro sportivo (2,8 milioni l’investimento del presidente) che partiranno a fine 2020 a Villa Fastiggi saranno il primo mattone di una proprietà lungimirante. Che ha saputo lavorare ed adattarsi ad un capitale umano e tecnico che aveva già trovato al suo arrivo. Implementato da figure di spessore, soprattutto nei colpi di mercato.

Crescere, continuare a farlo. Anche in quelle infrastrutture che portano una società a nobilizzarsi nel mondo del pallone. “Non sono un millantatore” aveva detto nel giorno della sua presentazione in Comune. Caro presidente, lo stai dimostrando. Per questo la Vis Pesaro è in buone mani, e avrà tutta la forza per tirarsi fuori da questo inizio non proprio positivo.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome