Flavio Lazzari si racconta dopo l’intervento alla spalla: “Ora la caviglia. Rimarrò? I tifosi possono stare tranquilli”

Il trequartista biancorosso scopre le carte per il suo futuro: "I tifosi possono stare tranquilli. Ho già un accordo con la società". E sulle operazioni a spalla e caviglia: "Per i primi d'agosto dovrei ritornare disponibile".

0
Vis Pesaro, Flavio Lazzari è pronto per la prossima stagione
Il trequartista biancorosso Flavio Lazzari, pronto per la nuova stagione (crediti: Vis Pesaro 1898)

Un’operazione alla spalla appena andata in archivio. Un’altra in programma alla caviglia. Flavio Lazzari si prepara per una stagione di ulteriore rilancio, quasi sicuramente in maglia Vis Pesaro. Ecco la sua intervista comparsa oggi sulle colonne del Corriere Adriatico. 

 

Lazzari, una stagione andata in archivio con 28 presenze, 6 reti e 4 assist. Senza gli infortuni che l’hanno attanagliata, ora staremmo parlando di ben altro.

<Questo è il mio unico rammarico. Alla fine del girone d’andata sono arrivato a cinque reti, con la Ternana ho siglato la sesta. Mi ero promesso di arrivare in doppia cifra, che per giunta non ho mai raggiunto nella mia carriera. Poi non ho fatto i conti con quello che sarebbe successo dopo>.

È reduce da un recente intervento a quella spalla tanto martoriata in stagione. Come procede il decorso post operatorio?

<Tutto bene, anche se per ora c’è poco da fare. La situazione mi dà noia: devo tenere la spalla ferma. Non posso fare attività, nemmeno andare a passeggiare. Le prime settimane passeranno così. Dalla terza alla quarta poi inizierò la riabilitazione, che mi traghetterà a inizio ritiro. Magari non sarò subito pronto per allenarmi con la squadra ma per i primi d’agosto dovrei ritornare disponibile>.

In programma ha una seconda operazione, alla caviglia.

<Il 3 giugno dovrei sottopormi a un piccolo intervento in artroscopia alla caviglia. Se con la spalla devo stare fermo, la caviglia devo subito muoverla e utilizzarla. Col Prof. Zini si è scelto di scindere le due operazioni proprio per un fatto di riabilitazione>.

Vis Pesaro, Flavio Lazzari in azione
Flavio Lazzari in una delle sue innumerevoli sgroppate (crediti: Vis Pesaro 1898)

Quanti stimoli può aver fornito un’annata di C come quella pesarese, dopo la parentesi poco felice di Fondi?

<Lo scorso anno ero tornato in Serie C dopo dodici anni di militanza in B. Il divario di categoria era netto ma avevo disputato un girone molto diverso da questo (il C, ndr), decisamente più fisico e segnato da un grande divario tra le contendenti. Il B invece è molto avvincente e tutte le squadre si sono rivelate ostiche: la classifica anche per questo è cortissima. Intanto il prossimo anno sarà ancora più competitivo con Cesena, Carpi e Padova, oltre a formazioni come Monza, Feralpisalò e Triestina. Le squadre saranno ancora più agguerrite, l’abolizione del limite di over permetterà a tante realtà di rinforzarsi. È chiaro che il secondo anno di professionismo a Pesaro servirà per riconfermarsi e agguantare un posto ai playoff>.

Qui il fattore ambientale ha giocato a suo favore…

<Le stagioni sono strane, quando sono arrivato qui ho percepito la diversità di gestione rispetto a una realtà come Fondi. A Pesaro ho trovato da subito un team di persone affiatate e un gruppo di ragazzi con voglia di lavorare. Dalla nostra abbiamo avuto un mister con l’intenzione di pedalare sin dall’inizio. E poi mia moglie e mio figlio si sono trovati bene…>.

Vis Pesaro, Flavio Lazzari e Leonardo Colucci dopo il derby vinto col Fano
L’abbraccio tra Lazzari e Colucci dopo il derby vinto col Fano (crediti: Vis Pesaro 1898)

Tempo fa raccontò che con la salvezza sarebbe arrivata in automatico la permanenza di Flavio Lazzari. I tifosi possono stare sereni?

<Sì, possono stare tranquilli. Ora come tutti sto cercando notizie a proposito della partnership tra Vis Pesaro e Sampdoria. Non appena si definirà il tutto, agirò. In ogni caso ho già un accordo con la società>.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome