Vis Pesaro, prime prove tattiche anti-Fano. E c’è chi prende appunti…

0
vis pesaro
La Vis Pesaro torna ad allenarsi dopo una settimana di pausa.

C’è chi corre e c’è chi scrive, prendendo appunti. È il gioco delle parti e francamente a noi piace così. Anzi. Siamo abbastanza sicuri che se qualcuno avesse davvero sconfinato da Fano verso Pesaro, lo stesso potrebbe essere accaduto in direzione opposta. Per poi abbozzare un cenno di saluto a metà strada. Di certo, chi quest’oggi è venuto a studiare la Vis Pesaro non è tornato a casa a mani vuote. Ma neanche con le idee chiarissime.

Perché mister Di Donato ha provato le prime soluzioni tattiche in vista di domenica, in partitella, però mischiando un po’ le carte. Ecco allora che il giovanissimo Galeazzi figura tra i titolari con Di Paola “declassato” nella squadra dei senza casacca, insieme ai vari Stramaccioni, Lelj, Nava. Insomma, insieme a tanti che tutto sono meno che sicuri panchinari al derby. Questa, comunque, la formazione dei “titolari”:

Eleuteri, Gennari, Farabegoli, Giraudo; Galeazzi, Pezzi, D’Eramo; De Feo, Bismark, Lazzari. In porta giocherà Bastianello.

Nella ripresa si vedono anche Marcheggiani, Tessiore e Gelonese. Tre recuperi importantissimi che – loro sì – probabilmente avranno una chance solo a gara in corso domenica. Si aspetta anche Marchi, oggi in campo ma solo per svolgere dell’intenso lavoro fisico. Proverà a esserci, questo è certo, ne sapremo di più venerdì sera o sabato mattina. Chi dovrebbe restare ai box e saltare il Fano è invece Ejjaki, le cui possibilità di recupero sono pressoché nulle.

Da valutare anche Benedetti, che si è fermato dopo aver disputato la partitella con i “panchinari”. Attenzione poi alla mina vagante Blue, che ha esordito benissimo nell’ultima mezz’ora a Padova, sfiorando anche il gol, e che Di Donato ha pungolato per bene durante la seduta odierna. Lui così come tutta la squadra, alla quale il tecnico biancorosso ha già mostrato di saper trasmettere carica e cattiveria agonistica. Aggressività. Perché si studia, si scrive, si prendono appunti. Ma alla fine vince chi corre – e segna – di più.

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome