Il baby Sabattini si racconta: “Domenica avevo una tensione particolare. Quando il mister mi chiamerà sarò pronto”

Il direttore generale Vlado Borozan: "C'è tanta felicità per aver scritto il proprio nome su una delle pagine più belle di questa società. Vincere questo derby ha un valore pazzesco"

0
Vis Pesaro, in conferenza stampa il centrocampista classe 2001 Lorenzo Sabattini
Lorenzo Sabattini, biancorosso classe 2001 oggi in conferenza stampa

Prima conferenza stampa stagionale per il centrocampista classe 2001 Lorenzo Sabattini, prodotto pesaresissimo delle giovanili vissine e fresco di firma del contratto da professionista che lo legherà alla Vis Pesaro per tre anni. Ecco le sue parole:

 

Sulla prima stagione da professionista: “Questa stagione non doveva andare così: sono partito con la Berretti, le prospettive erano altre. Poi le cose sono andate diversamente, sono contento di questo. La società si fida di me e se non sono riuscito a debuttare significa che mi manca qualcosa che colmerò negli anni futuri. E’ difficile vedere scendere in campo i propri compagni quando tu sei in panchina. Chiaro è che quando il mister mi chiamerà sarò pronto”.

Sul derby vinto: “Il primo derby vissuto tra i grandi mi ha dato grandi emozioni. Da pesarese avevo una tensione particolare”.

Su mister Leonardo Colucci: “Lo voglio descrivere con un aggettivo: perfezionista. Averlo avuto come allenatore per nove mesi mi ha fatto capire quanto ho da lavorare per poter aspirare a grandi traguardi. Sicuramente ti dà quel qualcosina in più. L’esperienza di ora è il mio settore giovanile. Questa è la mia scuola calcio”.

Sul rapporto tra studio e attività calcistica: “Sono molto soddisfatto di me stesso, di come mi approccio al lavoro. Faccio un po’ fatica a conciliare studio e allenamenti. Ora frequento il liceo linguistico, mi piacerebbe fare l’interprete e viaggiare”.

Vis Pesaro, il dg Vlado Borozan in conferenza stampa
Il dg biancoross Vlado Borozan, oggi in conferenza stampa

L’intervento del dg Vlado Borozan

Il direttore generale biancorosso commenta la vittoria della Vis Pesaro sui cugini granata:

“Il bambino che c’è in noi ha toccato il cielo con un dito. Non potevamo pensare una giornata migliore. La squadra è stata unita, ha onorato la maglia. Abbiamo ottenuto una vittoria che mancava da vent’anni. Vivere il triplice fischio e quell’apoteosi sembrava come se si fosse vinta una coppa. I ragazzi hanno sofferto per mesi, i tifosi per anni. C’è tanta felicità per aver scritto il proprio nome su una delle pagine più belle di questa società. Valeva la pena farne parte anche solo per un secondo. Ora deve nascere la positività per portare a fare qualcosa che qui mai nessuno è riuscito a fare. Auguro al Fano di salvarsi perché voglio il derby anche nella prossima stagione. Vincere questo derby ha un valore pazzesco”.

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome