Vis Pesaro, squadra in crescita ma c’è il rischio rinvio della prima giornata

0
Da sinistra: Brignani, Stramaccioni e Gelonese tutti al primo anno alla Vis Pesaro (crediti: Vis Pesaro)

Un pareggio e due sconfitte nelle 3 amichevoli della Vis Pesaro. Che letto così può stonare con quanto effettivamente i biancorossi hanno fatto vedere nel precampionato. Gli avversari erano tutti e tre di livello e categoria superiore, ma il pareggio interno contro l’Ascoli (1-1 rete di Lelj) e le sconfitte di Ferrara (2-0) e Empoli (ancora 2-0) hanno tracciato una linea su quelli che saranno i cardini del gioco di mister Galderisi.

In primis c’è una squadra che tiene bene il campo. Con coraggio. Una linea difensiva a 3, molto interessante nella versione total under di Empoli (Farabegoli-Brignani-Stramaccioni), che imposta il gioco e difende alto. Calcio moderno e godibile all’occhio. Una squadra che è disposta anche a prendersi dei rischi purché il pallone si giochi prevalentemente nella metà campo avversaria. Due esterni di sicuro affidamento come Pezzi e Nava, oltre all’esuberanza del giovane Eleuteri. E un centrocampo a due solido. Dove è vero che manca un regista puro, ma è altrettanto vero che Gelonese è un maestro nel favorire la transizione. Recupero palla veloce e filtro verso i compagni più avanzati. In più c’è un Leonardo Benedetti in continua crescita, fisicamente e tecnicamente il prototipo del centrocampista moderno.

Ma veniamo ai due estremi. Porta e reparto offensivo. Tra i pali c’è un Puggioni che sta prendendo sempre più forma. Ad Empoli due letture e altrettante parate di stile e finezza. Peccato per Bianchini, l’errore per ogni portiere è sempre dietro l’angolo specie se vieni dopo un periodo dove la spalla ti ha dato qualche problema. Si riprenderà in fretta, è giovane ed ha tutte le qualità per stupire. E’ cosa fatta l’arrivo di Paolo Bastianello, estremo difensore classe ’98 in prestito dal Frosinone. Secondo quanto abbiamo raccolto il calciatore è già stato a Pesaro a firmare il contratto. Si attende solo l’ufficialità.

Il reparto offensivo: adesso manca brillantezza ma davanti si gioca a calcio

Un aspetto su cui il mister continuerà a lavorare. Per sua stessa ammissione dopo il match di Empoli: “Arriviamo tanto davanti, ma dobbiamo essere più incisivi. Questo arriverà con il tempo credendo nel lavoro che stiamo portando avanti“. Un gol in tre partite è un magro bottino, ma si è vista un’attenzione particolare a certi dettagli. Come i calci piazzati, su tutti gli angoli a favore. Contro l’Ascoli: Ejjaki alla bandierina calcia sul primo palo per Marchi che spizza e libera Lelj sul secondo a incornare il vantaggio. A Empoli: Pezzi calcia sul primo palo dove trova il solito Marchi, il numero 7 questa volta frusta di testa il pallone in porta e solo un miracolo di Brignoli salva i toscani. Bello, continuate così.

Per il momento Ettore Marchi sta giocando spesso fuori dall’area, in fase di raccordo a produrre gioco. Questo inevitabilmente porta ad uno svuotamento di maglie negli ultimi metri, preferendo per il momento combinazioni veloci tra i rapidi elementi offensivi. De Feo e Cannavò su tutti. Vedremo se con il rientro in campo di Lazzari la Vis Pesaro si allungherà ulteriormente in fase offensiva. Permettendo alle punte di scappare più spesso in profondità. Insomma, davanti tutti possono fare tutto. Per Galderisi sarà una piacevole grana scegliere ogni settimana i 3 che partiranno titolari.

Il rischio rinvio della prima giornata, martedì può essere la giornata campale

C’è un forte rischio, anzi una mezza certezza. L’ Assocalciatori ha dichiarato da tempo lo stato di agitazione e per l’inizio della settimana, secondo quanto abbiamo raccolto, ci sarà un incontro tra Ghirelli e il vicepresidente Umberto Calcagno. Che alla notizia dei calendari di Serie C aveva promesso, sulle colonne di TuttoC, una battaglia contro le liste bloccate a 22 calciatori. La sensazione è che la prima giornata potrebbe saltare davvero, a causa di uno sciopero largamente condiviso tra i calciatori, l’ipotesi di un accordo/colpo di scena che ribalterebbe ora le regole sembra alquanto improbabile. La Vis Pesaro da calendario è impegnata sabato 26 settembre ore 20 e 45, al Benelli, contro la neopromossa Legnago Salus dell’ex Ciccio Grandolfo. La seconda giornata invece è prevista per domenica 4 ottobre, quando i biancorossi faranno visita al Modena al Braglia. 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Commento
Nome